Orestiadi di Gibellina, omaggio a Pasolini - BESicilyMag
0

“Se la memoria ha un futuro” è il titolo delle Orestiadi, dall’8 luglio al 6 agosto a Gibellina, dirette da Alfio Scuderi e realizzate dalla Fondazione Orestiadi con il sostegno dell’assessorato al Turismo della Regione Siciliana e il progetto speciale al Cretto di Burri grazie all’assessorato ai Beni culturali.

Un mese di spettacoli che prenderanno il via con un omaggio a Pier Paolo Pasolini, nel centenario della sua nascita, attraverso un progetto inedito per le Orestiadi, e chiuderanno al Cretto di Burri con l’orazione civile di Salvo Licata scritta per Gibellina in quel tragico 1992: “Abbiamo preso in prestito, non a caso, questa frase , “Se la memoria ha un futuro”, da Leonardo Sciascia – spiega Scuderi – perché in queste Orestiadi vogliamo partire proprio dalla memoria viva per rinnovarla”.

Le Orestiadi di Gibellina 2022 vedranno tanti protagonisti, che guideranno il pubblico tra i ricordi e i diversi linguaggi del contemporaneo: da Alessandro Haber, Imma Villa e Silvia Ajelli che rileggeranno in scena l’Orestea con le musiche di Dario Sulis e Chris Obehi anticipati, al tramonto, dalle letture “pasoliniane” di Fabrizio Romano e Gaia Insenga con le suggestioni sonore di Angelo Sicurella.

E, ancora, dall’inaugurazione delle mostre dedicate a Pasolini di Franco Accursio Gulino e Umberto Cantone, fino alla performance inedita, itinerante, a cura del Laboratorio artistico Genia ispirata al Pilade. Le immagini di Franco Maresco incontrano le parole di Franco Scaldati per ricordare Giovanni Falcone, mentre Chiara Gambino mette in scena la storia di Calogero Zucchetto, giovane poliziotto ucciso nel 1982. Marco Baliani porta il suo originale Rigoletto e le Ebbanensis e Mario Tronco il loro “partenopeo” Così Fan Tutte.

Il premio Under 35 Leo de Berardinis del Teatro di Napoli incontra il nostro premio città laboratorio nel segno dei giovani artisti.
Storie di donne: Silvia Ajelli fa rivivere le donne di Dacia Mariani con Aurora Falcone, Stefania Blandeburgo e Simona Sciarabba, mentre i Fanny e Alexander portano in scena il romanzo di Nadia Terranova Addio fantasmi con Anna Bonaiuto e Valentina Cervi.

Al Cretto di Burri, come sempre un gran finale: Fabrizio Ferracane, Filippo luna, Enrico Stassi con le musiche di Alessandro Presti e la straordinaria partecipazione musicale di Vasco Brondi si confronteranno con l’Orazione di Salvo Licata, e Marco Paolini metterà in scena il suo nuovo spettacolo Sani, teatro fra parentesi, tornando a recitare sul Grande Cretto, dopo vent’anni dal suo racconto per Ustica.

Anche quest’anno la manifestazione è diretta da Alfio Scuderi e realizzate dalla Fondazione Orestiadi con il sostegno istituzionale dell’Assessorato al Turismo della Regione Siciliana e il progetto speciale al Cretto di Burri grazie all’assessorato ai Beni Culturali e dell’identità siciliana della Regione Siciliana. Tutte le informazioni sono disponibili sul sito ufficiale delle Orestiadi di Gibellina.

Leave a Reply