spot_img
venerdì | 23 Febbraio | 2024

ultimi articoli

Brugnano al Vinitaly con tante novità. Lo Spumante Metodo Classico Brut e il rosato Coraline

Dopo un anno ricco di soddisfazioni, l’azienda Brugnano approda al Vinitaly, con una nuova consapevolezza delle proprie potenzialità. A Verona si presenta il territorio, innanzitutto, insieme a nuovi prodotti da far conoscere e alle produzioni limitate e di nicchia. Trascorso infatti appena un anno dalla rinascita, per la cantina di Partinico, in provincia di Palermo, nella Sicilia Nord-Occidentale, guidata dai fratelli Francesco e Giuseppe Brugnano, è tempo di importanti novità. Prima tra tutte l’arrivo dello Spumante Metodo Classico Brut Brugnano, che debutta al Vinitaly per la prima volta.

“È già passato un anno dal nostro ritorno al Vinitaly, da quando io e mio fratello abbiamo ripreso l’azienda di famiglia per darle un nuovo inizio, e guardando indietro, penso che possiamo ritenerci fieri. Abbiamo rimesso in piedi un’azienda di cui c’era un ricordo un po’ sfocato e l’abbiamo proiettata verso un nuovo futuro con tenacia e sacrifici – afferma il produttore Francesco Brugnano -. Lo scorso anno è stato importante, per presentarci ma eravamo ai primi nuovi passi. Adesso siamo più pronti, più sicuri di noi stessi e del nostro potenziale. Siamo felici di poter presentare alcune novità tante desiderate, come il nostro primo Metodo Classico Brut Brugnano. Nasce dalle nostre uve di Catarratto Lucido, raccolto con il giusto anticipo. Per noi è un piccolo regalo”. Il Metodo Classico Brut Brugnano nasce da uve Catarratto Lucido con una piccola percentuale di Chardonnay, coltivate nel vigneto di Monte Mirto, in provincia di Palermo, a 650 metri di altitudine sul livello del mare.

Accanto al nuovo Spumante Metodo Classico Brut, arriva a Verona anche il nuovo Frappato Rosato 2022, Coraline. Un vino di grande freschezza e pulizia, caratterizzato dalla scia sapida che lo rende il compagno ideale per gli apertivi dell’estate e per accompagnare i piatti della dieta mediterranea. Coraline si ispira al mare, fin dal nome, ma anche alla tradizione trapanese della lavorazione dei coralli. Tra le novità c’è anche il “restyling produttivo” di un altro vino già presente nella gamma, Ammaru, che da ora in poi sarà prodotto con uve Zibibbo in purezza. “Ammaru è un vino che regala la piacevolezza di atmosfere isolane e marine. Siamo riusciti, insieme al nostro enologo, a dargli un’espressione più identitaria. Pensiamo che sia lo Zibibbo che non ti aspetti, aromatico ma non troppo dolce. Un bianco piacevole, che non stanca e che ha anche un ottimo rapporto qualità prezzo”.

Ed infine il grande atteso ritorno del Doc Sicilia Honoris Causa, il rosso importante della cantina, il vino che ne ricorda il successo degli anni passati, capace di riscuotere consensi nei concorsi enologici e dalla stampa di settore. Con la guida dei fratelli Brugnano, Francesco e Giuseppe, torna al centro della scena. Un rosso complesso e capace di grande longevità. Honoris Causa Doc Sicilia, Riserva 2018 nasce da uve Nero d’Avola per il 90 % e Syrah per la restante parte.  Affina in acciaio con macerazione sulle bucce per circa 12 giorni ad una temperatura di fermentazione di 26-30°C. Effettua la fermentazione malolattica e affina in barriques di rovere francese prevalentemente nuove per un periodo di 24 e successivamente in bottiglia. Si caratterizza per il colore porpora. Al naso un frutto pieno di marasca, fiori di rosa e viola, profumi di sottobosco e fungo accennato, con un principio di note balsamiche di pino selvatico. “Ha bisogno di tanta bottiglia ma ne prevediamo già la stoffa e ne siamo orgogliosi. Le bottiglie sono numerate e hanno un design elegante. Anche la grammatura della bottiglia è evidente, ma volevamo che avesse il giusto peso”, conclude Francesco Brugnano. “Per noi è il vino più importante. Oggi io e mio fratello rappresentiamo il futuro dell’azienda di famiglia, ma onoriamo il passato e la scelta di puntare su Honoris Causa, come vino di nicchia per estimatori, rappresenta uno dei passi più importanti della nostra crescita”.

In occasione del Vinitaly 2023 – in programma dal 2 al 5 Aprile a Verona –, l’azienda reduce da diverse medaglie (oro e argento) conseguite nell’ambito del concorso Mundus Vini 2023, con una medaglia d’oro per Lunario 2021Doc Grillo, porta le nuove annate dei vini in commercio.

L’AZIENDA OGGI

Francesco e Giuseppe in cantina ci sono cresciuti e la loro nuova mission, scelta di vita, è quella di fare dell’azienda di famiglia un fiore all’occhiello dell’enologia siciliana in Occidente. Ad aiutarli c’è Maurizio Gandolfo, manager e direttore commerciale. Dopo il piano di ristrutturazione aziendale, durante i due anni di pandemia, il 2022 è stato l’anno della ripartenza con obiettivi ambiziosi, con un approccio onesto, che parte dal prodotto e da comunicazione sincera. Il leit motiv resta l’unicità, l’essere se stessi. 

L’azienda si presenta con un’immagine totalmente nuova. Già nel logo un restyling che non tradisce il passato, ma lo proietta nella contemporaneità con fluidità e freschezza; caratteristiche queste ultime, che si riconoscono anche in tutte le etichette dei vini e nel packaging. Oggi l’azienda si estende su circa 90 ettari vitati in terreni collinari su più appezzamenti, a circa 300 – 350 metri di altitudine sul livello del mare nella zona dell’Alcamo Doc, nel trapanese. In mezzo, il cuore della campagna di Partinico e un appezzamento che sfiora i 650 metri di altitudine in contrada Mirto. Le bottiglie in produzione nel 2022 sono circa 200 mila. 

Se questo contenuto ti è piaciuto, segui il nostro blog o i nostri canali social: FacebookInstagram

Condividi questo articolo sui tuoi social...

Latest Posts

non perderti

RIMANIAMOIN CONTATTO

Ricevi tutte le news di Be Sicily Mag

Subscription Form (#3)

spot_img