sabato | 13 Aprile | 2024

ultimi articoli

Tenute Orestiadi: tutti gli appuntamenti dell’estate

Sarà un viaggio eno-sensoriale nel cuore della Sicilia Occidentale, quello che Tenute Orestiadi proporrà a winelover ed enoturisti, a partire dal prossimo mese di maggio. In primo piano degustazioni, abbinamenti cibo-vino, rappresentazioni teatrali e musicali e, ovviamente l’arte, con l’obiettivo di celebrare il legame con il territorio e la valorizzazione del grande vigneto di Gibellina. Forte anche il legame con l’Etna e con La Gelsomina, un autentico gioiello viticolo. Un vigneto dalla conformazione ad anfiteatro che abbraccia un piccolo lago nato da un cratere spento. Uno spettacolo naturalistico che si coniuga con la produzione di vini che esprimono autenticamente la viticoltura del vulcano.

Tenute Orestiadi, dopo un 2022 davvero straordinario, con grandi risultati ottenuti in termini di fatturato, grandi riscontri dai mercati italiani ed esteri, e un’apertura di 2023 che fa ben sperare per il futuro, prosegue il proprio cammino in direzione dell’eccellenza anche sul fronte eno-turistico, con ben dieci appuntamenti che scandiranno la stagione estiva. Si partirà venerdì 19 maggio con Degustiarte, la manifestazione dedicata ai sapori siciliani di scena, per il 2023, a Villa Filippina, per poi proseguire domenica 28, con Cantine Aperte. In occasione del consueto appuntamento promosso dal Movimento del Turismo del Vino, giunto alla 30esima edizione, l’azienda trapanese aprirà le porte della propria Tenuta al grande pubblico – dalle ore 11:00 alle ore 17:00 – per un’intera giornata all’insegna della convivialità del divertimento. In degustazione una selezione di cinque etichette, disponibili previo pagamento di un ticket di ingresso che includerà anche un pranzo con specialità gastronomiche locali e la possibilità di aggiungere ulteriori tasting ad un prezzo esclusivo per l’occasione. Per i partecipanti a Cantine Aperte che volessero arricchire il proprio viaggio nell’Universo di Tenute Orestiadi includendo anche l’elemento culturale ed artistico, la Fondazione Orestiadi e il Museo Civico resteranno aperti durante il loro orario di apertura saranno visitabili ad un costo ridotto.

Il calendario degli eventi estivi di Tenute Orestiadi continuerà domenica 4 giugno con l’inaugurazione di “Terrazza Orestiadi” presso la Fondazione Orestiadi e dall’8 all’11 con “Una Marina di Libri” – Il Festival del Libro di Palermo, organizzato dal CNN Piazza Marina & Dintorni che vedrà Tenute Orestiadi come main partner. Tra luglio e agosto altri tre imperdibili appuntamenti, il Festival delle Orestiadi, organizzato dalla Fondazione e supportato da Tenute Orestiadi, il Festival Nudalava, un ciclo di rappresentazioni teatrali e musicali presso La Gelsomina (Etna) e, infine, la magia di Calici di Stelle, in programma la sera dell’11 agosto. Poi ancora, dal 28 luglio al 30 settembre andrà in scena a Gibellina, Photoroad, la biennale internazionale di fotografia di cui Tenute Orestiadi è sponsor e che vedrà l’azienda ospitare anche una mostra nella Cantina in provincia di Trapani, Presa Borgo DiVino, iniziativa legata alla valorizzazione dei vini etnei,organizzato dall’8 al 10 settembre nella suggestiva cornice di Borgo di Presa (Piedimonte Etneo), per chiudere con il Cous Cous Fest di San Vito Lo Capo, in programma dal 15 al 24.

Il successo di Tenute Orestiadi è legato alla capacità di rappresentare al meglio il suo territorio di origine, quello che circonda la città di Gibellina nella Valle del Belìce, incarnando dal 2008 il simbolo di un areale storicamente noto per una tradizione vitivinicola vocata alla qualità. Situata nell’agro trapanese, Tenute Orestiadi si trova nel cuore di un territorio che è da sempre considerato “il vigneto della Sicilia”. I suoli e i microclimi di questo areale consentono di coltivare vitigni autoctoni e alloctoni con risultati straordinari. Le dolci colline, alternandosi ad ampie spianate, creano infatti condizioni pedoclimatiche ideali per la coltivazione della vite. Dal 2018, con La Gelsomina, Tenute Orestiadi è ambasciatrice di un altro territorio singolare: l’Etna. Qui, sul versante est del Vulcano, con lo sguardo sul mar Ionio, nasce una collezione di vini in grado di restituire al palato tutta la forza vitale della “Muntagna”.

Questo il patrimonio alla base di Tenute Orestiadi, presentato anche in occasione dello scorso Vinitaly con nuove opportunità e uno slancio che incarna la filosofia di produzione basata su due principi fondamentali: il massimo rispetto del territorio e la produzione di vini identitari e di qualità. Il risultato di un approccio contemporaneo per le lavorazioni in cantina, al fine di mantenere le caratteristiche varietali e valorizzare l’intero patrimonio ampelografico della Sicilia: un mosaico composto dai principali vitigni autoctoni della tradizione siciliana e da quelli internazionali.

Il senso di appartenenza al proprio territorio si manifesta anche attraverso il legame con l’arte. Tenute Orestiadi anima da alcuni anni un’attività sociale finanziando progetti di restauro delle opere che costellano il museo a cielo aperto di Gibellina. Il desiderio di appartenenza con la comunità mediterranea ha ispirato i nuovi nomi dei sei varietali della “La Selezione” presentati durante l’edizione 2023 del Vinitaly. Ispirati dalla lingua franca Sabìr, anticamente parlata nei porti del Mediterraneo come linguaggio universale, le nuove etichette identificano ogni singolo vino con un nome legato a termini che fanno riferimento alle tradizioni culturali e agricole: Bahar (Mare) sarà il nuovo nome dello Zibibbo, Kemar (Luna) quello del Catarratto, Nissim (Aria) quello del Grillo, Douar (Borgo) quello del Nero d’Avola, Adeni (Mediterraneo) quello del Perricone e infine Mazal (Prosperità) quello del Frappato.

Dall’estate 2023 sarà disponibile, ad arricchire il portafoglio prodotti di Tenute Orestiadi, un vino Orange, macerato da Inzolia.

Giorno dopo giorno Tenute Orestiadi conferma anche il suo impegno sulla sostenibilità ambientale: la struttura agronomica basata su una viticoltura di prossimità, che vede lo svolgimento di pratiche colturali sostenibili e continui monitoraggi; il legame con la comunità di riferimento, testimoniata da tutte le attività svolte a supporto del territorio; la scelta di packaging sempre più sostenibili e di fonti di energia rinnovabili, con un basso impatto sull’ambiente.

Info prenotazioni e costi Cantine Aperte

page3image42467712

L’evento è a numero limitato e disponibile solo su prenotazione, scrivendo all’e-mail enoturismo@tenuteorestiadi.it o contattando il numero 349 1540 589 fino ad esaurimento dei posti disponibili.

Ticket base Cantine Aperte

Costo: 25 euro

L’esperienza include una degustazione di una selezione di cinque etichette più il pranzo. Per i tutti i partecipanti di Cantine Aperte che intendono assaggiare anche gli altri vini di Tenute Orestiadi è previsto il pagamento di un ticket di 3 euro per ogni calice aggiuntivo.

Se questo contenuto ti è piaciuto, segui il nostro blog o i nostri canali social: FacebookInstagram

Condividi questo articolo sui tuoi social...

ULTIMI ARTICOLI

consigliato da be

non perderti

RIMANIAMOIN CONTATTO

Ricevi tutte le news di Be Sicily Mag

Subscription Form (#3)

spot_img