sabato | 20 Aprile | 2024

ultimi articoli

Private90Party. Ai Candelai, generazione X e dance anni ’90

Il biglietto con la scritta “Private90Party” e decori fluorescenti come le luci stroboscopiche   è stato distribuito solo e rigorosamente tra amici e amici di amici.  Un po’ come le feste organizzate negli anni Novanta, solo il biglietto e la lista nominativa  hanno aperto le porte de I Candelai, nel cuore del centro storico a Palermo, ad oltre trecento quaranta e cinquantenni pronti a scatenarsi al ritmo della dance degli anni 1990. Il 9 febbraio scorso, è stato il loro momento, quello di tanti  membri della Generazione X ,  tra i 40 e i 55 anni,  professionisti, mamme e papà che hanno lasciato a casa con i nonni o le baby sitter i pargoli e hanno fatto idealmente un tuffo nel passato, quando si faceva serata spesso e I Candelai era già allora uno dei luoghi prediletti per incontrarsi con gli amici e ballare fino a notte fonda.

Ad organizzare quella che è stata come una vera e propria festa tra amici, il palermitano Manfredi Autore, 48 anni. “Ho trascorso la mia gioventù a I Candelai – racconta – è un po’ un luogo del cuore per me e così ho voluto ricreare lì un’occasione per divertirsi  tra amici e trascorrere  una serata piacevole al ritmo della musica dei nostri anni più belli. L’invito, infatti, l’ho esteso solo ai miei amici e ognuno di loro poteva dirlo ad altri amici selezionati fino ad un numero limitato secondo la capienza consentita dal locale.  Non sono un organizzatore e di lavoro faccio altro ma l’ho proposto a Fabio Schillaci, uno dei titolari de I Candelai.  Gli ho detto: Facciamo che tu mi dai il tuo locale per una sera e agli invitati e ai dj ci penso io. Il prezzo dell’ ingresso di 10 euro è servito appunto per pagare i costi vivi come la Siae e i dj”. In poco tempo con il passaparola, si è sparsa la voce e la lista si è riempita subito, tanti biglietti sono stati venduti in anticipo e la sera del 9 febbraio, all’ingresso si è formata una lunga coda molto tempo prima dell’apertura della discoteca.  Poi, la serata è iniziata alle 22 con i dj Riccardo Piparo, ex tastierista dei  Ti.Pi.Cal., il gruppo musicale siciliano in auge appunto negli anni 1990 e Marco Borgese. Tra i tanti in pista, anche il conduttore  e autore televisivo Cristiano Pasca, noto per la sua partecipazione a Le Iene. “E’ stato come viaggiare a ritroso nel passato- dice Piparo –  Abbiamo riproposto  tutta la più bella musica dance degli anni Novanta. Naturalmente, anche tanti brani dei Ti.Pi.Cal e poi quei pezzi iconici che non possono mancare, come The Rhythm of the night di Corona o Freed from Desire” di Gala, che da classico della house italiana è diventato un inno di molte tifoserie. Vivo a Palermo ma sono della provincia di Caltanissetta e spesso mi capita di fare il dj in party organizzati per adulti e che amano questi momenti di revival. Devo dire che  c’è un ritorno alla discoteca, quest’ evento ha richiamato chi non la  frequentava da anni”.

L’altro dj del party Marco Borgese aggiunge: “Abbiamo riproposto i classici anni Novanta, dato che i partecipanti erano di un’età compresa  tra i 40 e i 50 anni. I Candelai è stato sempre uno dei locali preferiti quando eravamo più giovani e volevamo fare qualche monelleria, andavamo lì. Abbiamo però scartato la musica  commerciale del periodo. Il là l’ho dato io con il brano di Dr Alban  No Coke tanto per creare l’atmosfera. Quando facevo il dj negli anni Novanta di questo come di altri brani avevo il vinile.  Con Piparo ci siamo alternati senza prevaricare l’uno sull’altro. E’ stato come rivivere le feste che organizzavamo 10 anni fa al Khalesa. Solo che prima dei social consegnavamo i biglietti a mano. In questa serata, siamo stati costretti a lasciare fuori una settantina di persone, avremmo superato i limiti di numero consentiti”.

Tutti i partecipanti hanno ballato il repertorio che dagli anni 1990 è arrivato sino al 2000. “E’ stata una bellissima festa in cui abbiamo  trascorso momenti piacevoli in tranquillità   – chiosa Manfredi Autore – I Candelai oltre che un luogo storico sono anche a misura d’uomo e si trovano in un centro storico che oggi è vivibile. Ho  visto gente che non usciva da tempo o che raramente si vede in giro la sera, ballare divertendosi.

Abbiamo tirato fino alle 3 di notte”. Il party però sembra essere così riuscito che non ci sarà un bis, almeno a breve. E chi non ha potuto partecipare, già si chiede se più avanti ci  sarà un  altro appuntamento, magari estivo. “Mi sono dilettato in passato con l’organizzazione di eventi di musica live ma come dicevo faccio altro nella vita – spiega Autore – e comunque il mio obiettivo è stare bene e passare belle serate con amici. Forse d’estate potrei pensare di ripetere qualcosa di simile. Ma devo mettermi alla ricerca di una location”. 

Isabella Napoli

Condividi questo articolo sui tuoi social...

consigliato da be

non perderti

RIMANIAMOIN CONTATTO

Ricevi tutte le news di Be Sicily Mag

Subscription Form (#3)

spot_img