spot_img
venerdì | 8 Dicembre | 2023

ultimi articoli

Lo Steri torna visitabile e svela i segreti della Vucciria di Guttuso

Dal 5 al 31 luglio il complesso monumentale di Palazzo Steri, a Palermo, riapre e torna fruibile alla città nella sua integrità. Tante le sorprese per i visitatori, che potranno vedere le carceri della Santa Inquisizione, il soffitto ligneo trecentesco della Sala dei Baroni e la Vucciria di Renato Guttuso, al centro di un nuovo allestimento museale che ricrea voci e suoni del mercato palermitano.

La Vucciria, infatti, è finalmente tornata a casa e, per l’occasione, l’Università di Palermo le ha costruito un involucro nuovo di zecca, immersivo, struggente, cuore del nuovo percorso di visita che restituisce lo Steri alla città. La tela che Renato Guttuso dipinse nell’arco di alcuni mesi, nel 1974 – leggenda vuole che il pittore facesse arrivare, nel suo studio di Velate, frutta e verdura di giornata per ricreare e poter così riprodurre, i colori del mercato palermitano – ha ripreso posto nell’antica sala delle Armi del palazzo medievale, a piano terra, dove era stata sistemata nel 2004 su iniziativa dell’allora rettore Giuseppe Silvestri.

A partire dalla Vucciria di Renato Guttuso, chi visiterà l’hosterium magnum voluto da Manfredi I Chiaromonte, scoprirà un insieme stratificato di periodi storici, da leggere come un tutto disomogeneo, certo, ma non stridente. Dalle carceri segrete della Santa Inquisizione, vero mansionario nascosto di preghiere, invettive, disegni che i prigionieri di Torquemada graffiarono sulle pareti; all’atrio imponente, agli spazi liberi dagli uffici universitari.

E su per le scale per raggiungere la sala dei Baroni dove da poco più di un anno è stato restituito nella sua straordinaria bellezza, il soffitto ligneo trecentesco, vera Bibbia cavalleresca, unico in Europa per ampiezza di uno spazio non religioso. Il complesso monumentale dello Steri è visitabile ogni giorno grazie a un biglietto unico. Ingressi dalle 15 alle 20 (dal lunedì al venerdì) e dalle 10 alle 20 (sabato e domenica). Prenotazioni su Coopculture

Condividi questo articolo sui tuoi social...

Latest Posts

non perderti

RIMANIAMOIN CONTATTO

Ricevi tutte le news di Be Sicily Mag

Subscription Form (#3)

spot_img