spot_img
sabato | 2 Marzo | 2024

ultimi articoli

Effusion Space, la mostra di Munafò a Palazzo Giardinelli

Inaugurata lo scorso 26 maggio Effusion Space, la mostra con oltre cinquanta opere riunite in un progetto, realizzato per gli ambienti ricchi di storia del settecentesco Palazzo Giardinelli di Palermo, di proprietà dell’architetto Salvo Schiavo.

“Il Palazzo è diventato lo scenario perfetto per l’idea progettuale del collega e artista Giuseppe Minafò – dice Schiavo – e sono così entusiasta di questa fruizione che non posso escludere il desiderio di farlo vivere d’arte, come ho un po’ sognato in passato”. Le opere conducono il visitatore in uno spazio fisico ed emotivo che sfoca confini e dilata orizzonti, invitandolo a spostare punti di vista e ad immergersi in una dimensione di pensiero aperta, ricettiva, liberata da preconcetti e sovrastrutture culturali.

“Il mio incontro con il Ficus, e la sua possente natura a cui mi ha permesso di accedere – racconta l’artista di originario di Avola ma residente da anni negli Usa – rappresenta per me un’esperienza straordinaria. Ne è nato un dialogo che ha portato alla scoperta di una nuova civiltà di millenarie conoscenze che si rapporta con la città, il territorio, il mondo e l’universo. Ho voluto definire “Effusion” tale iniziale processo, attraverso il quale ho potuto sentire il genius loci di Palermo, la linfa del secolare albero e me stesso”.

La mostra – (di Silvana Nota)

Un grande ficus secolare, Palermo e un artista: Giuseppe Munafò, che racconta in questa mostra, con un essenziale e potente linguaggio di ricerca, la straordinaria esperienza dell’incontro con l’antico albero e il sorprendente dialogo che ne è scaturito. La percezione effusiva è la nota dominante di uno scambio magnetico che si trasforma in awaking, risveglio cosciente affacciato su una nuova civiltà.

Oltre cinquanta opere riunite in un progetto site specific, realizzato per gli ambienti vibranti di storia del settecentesco Palazzo Giardinelli, conducono il visitatore in uno spazio fisico e mentale che sfoca confini e dilata orizzonti, invitandolo a spostare punti di vista e immergersi in una dimensione di pensiero aperta, ricettiva, liberata da preconcetti e sovrastrutture culturali. Mettersi in ascolto dell’albero per Giuseppe Munafò è stato un evento improvviso, inaspettato, giunto tuttavia dopo molti anni di elaborazioni poetiche e formali intorno al concetto di luce, che irradia e fonde atemporalmente le ere, i mondi, i luoghi, permeando di intelligenza e vita entità umane, vegetali, minerali, ogni oggetto che ci circonda. Per comunicare lo straordinario messaggio del ficus sceglie medium espressivi diversi affidando loro un significato simbolico al fine di esprimere con un vocabolario concreto, visioni astratte, immateriali eppur così reali, evidenti proprio sotto i nostri occhi, come il titolo della mostra recita.

Il processo creativo parte dall’immagine scattata con il suo cellulare che fotografa la corteccia, i robusti rami temprati dalle intemperie e il sontuoso fogliame stagliato sullo sfondo del cuore di Palermo, unendo in simbiosi il proprio sentire al genius loci e allo spirito della pianta monumentale che ha immagazzinato memorie, storie e saggezze che è pronta a rivelare. Giuseppe Munafò produce così un incalcolabile numero di fotografie e immagini con attenzione a ogni dettaglio, utilizzando la tecnologia nel più alto rispetto della natura senza togliere o aggiungere, massimamente attento a non travisarne l’autenticità. Decide quindi di realizzare macro-immagini, e con sorpresa scopre che vi sono impressi universi che si svelano moltiplicandosi esponenzialmente. Non si tratta di illusioni ottiche ma di effettivi stargate di composizioni cristalline dalle trasparenze luminose, spesso cloisonné che ricordano i meravigliosi rosoni delle cattedrali gotiche e dalle quali affiorano forme e figure. Nelle loro molteplici sfaccettature emergono chiari riferimenti a culture millenarie e le loro iconografie, ma anche ai grandi maestri dell’arte che hanno, come dicono gli orientali, saputo bucare l’astrale e connettere la terra al cielo. Si delineano inoltre volti di re, di regine e di palazzi immaginifici: perfette metafore mutuate da fiabe e novelle capaci di comunicare importanti messaggi.

Sorpreso, meravigliato e ispirato da questo primo folgorante impatto, Giuseppe Munafò sceglie di stamparle su tela con il procedere artistico del printer, lo stampatore nella sua accezione più nobile. Poi individua la tela come supporto ideale per esprimere il legame tra il passato e il presente, facendola dialogare attraverso segni e incisioni con tutte le forze adiacenti e lontane, punto da cui nasce il futuro come in una macchina del tempo che alchemicamente sovverte ogni certezza creandone un’altra, quest’ultima più rassicurante che ci insegna come nulla sia perduto e tutto sia invisibilmente collegato nell’armonia cosmica dell’universo.

Il concept del percorso espositivo diviene successivamente pensato come parte integrante della poetica intrinseca, e Giuseppe Munafò, architetto e artista, progetta l’allestimento come un percorso esperienziale interattivo dove il segno, il gesto e lo spazio, con i suoi vuoti come silenzi eloquenti, parlano interconnettendo il visitatore all’insieme. Nel viaggio che si snoda alla francese nell’infilata in sequenza delle sale, si incontrano alcuni rimandi alle geometrie sacre che caratterizzano il timbro stilistico e contenutistico di Giuseppe Munafò: il triangolo e il cerchio che vi si inscrive relazionandosi alla mistica cristiana della Trinità, il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo, e l’irradiamento del Divino, elementi esplorati e riletti in chiave parallela all’universalità dell’unione con altre fedi e figure preminenti di epoche e luoghi oltre ogni confine sull’onda della forza di gravità o dell’assenza di gravità. Si fondono nell’itinerario aspetti fortemente intellettuali, spirituali ed estetici magnificamente coniugati: si inizia con la prima sala dedicata al Palazzo Reale che affiora dai frammenti fotografici del ficus evocato su un pad con animazioni che portano alla luce l’inaspettato storytelling. Proseguendo avvolti dall’effusion l’ambiente naturale conduce nella Sala dei Senatori, e infine si giunge nella sala del settecentesco camino dove l’albero si rivela anche nella sua fisicità in due installazioni composte da 12 formelle/frammenti, ciascuna indipendente seppur in stretto collegamento alle sorelle.

Delineato con la grafite, monocroma, essenziale e idealmente collegata con i padri della pittura antica, Giuseppe Munafò traccia poi un segno che delimita il vuoto e lo espande allo stesso modo, conducendo il visitatore ad affacciarsi alla finestra per vedere Palermo, parte viva dell’opera nella sua interezza, da percepire, ritrovare, e da cui ripartire sperimentando strade per avventurarsi in orizzonti sempre più ampi, incrociando i cammini di un mondo nuovo che già vive e parla di luce, ancora e sempre luce.

info per visitare la mostra:

Palazzo Giardinelli – Via Divisi 74 – 90133 Palermo PA +39 348 579 2894

munafostudio@gmail.com

Condividi questo articolo sui tuoi social...

Latest Posts

consigliato da be

non perderti

RIMANIAMOIN CONTATTO

Ricevi tutte le news di Be Sicily Mag

Subscription Form (#3)

spot_img