spot_img
giovedì | 29 Febbraio | 2024

ultimi articoli

Starbucks sostiene l’olio del Belìce anche per il suo caffè

“Siamo qui per sostenere gli agricoltori del territorio, ho conosciuto questo olio durante un incontro con Tommaso Asaro e fu lui a raccontarmi che ogni mattina prende un cucchiaio di olio e ne rimasi colpito.

Da lì è nato l’interesse verso il prodotto e abbiamo iniziato a fare alcuni test tra caffè e olio e l’abbinamento è stato straordinario”.

Lo ha detto in mattinata, a Marinella di Selinunte (Trapani), il patron di Starbucks Howard Schultz, intervenuto alla presentazione del club degli agricoltori del Belìce. L’azienda agricola Asaro fornisce il colosso del ‘food and beverage’ di olio Evo per la produzione della bevanda Oleato, un’inaspettata alchimia di caffè arabica Starbucks, infuso con olio extra vergine di oliva Partanna (Trapani). Schultz, tornato in Sicilia a distanza di pochi mesi, ha raccontato l’esperienza degli Starbucks Farmer Support Centers (oltre 10 nel mondo): il primo centro di supporto agli agricoltori è stato aperto a San José, in Costa Rica, nel 2004. 
    Lavorando individualmente con gli agricoltori sul campo, supportando cooperative e fornitori, gli agronomi di Starbucks si basano sui metodi di coltivazione tradizionali per aiutare gli agricoltori a migliorare sia la qualità che la redditività dei loro raccolti. Starbucks guarda con attenzione al Belìce per importare l’esperienza del Farmer Support Centers. “Il futuro di ‘Oleato’ dipende dal futuro di voi – ha sottolineato Michelle Burns, vice presidente esecutivo Global coffee, social impact e sustainability di Starbucks -. Noi mettiamo a disposizione la nostra conoscenza, le nostre risorse, la nostra filosofia di economia open source per il futuro di questa Valle”. A margine della manifestazione poi Schultz si si è lasciato scappare ai giornalisti che gli hanno chiesto di una possibile apertura di Sturbacks in Sicilia: “Ne parlerò con chi si occupa dello sviluppo in Italia”. 
    Infine a chi gli ha domandato se nei suoi programmi c’è anche l’acquisto di una casa in Sicilia, ha risposto: “Mi piacerebbe, anche se la mia famiglia è in America. Qui è un luogo straordinario”

Condividi questo articolo sui tuoi social...

Latest Posts

non perderti

RIMANIAMOIN CONTATTO

Ricevi tutte le news di Be Sicily Mag

Subscription Form (#3)

spot_img