sabato | 25 Maggio | 2024

ultimi articoli

Artétika. Arriva, in Sicilia, il secondo Cristo in gonnella. In mostra, a Palermo, le “tenebre personali” di Stefania Bellot Romanet

“Padre nostro, umore e luce” è il titolo scelto per la personale palermitana di Stefania Bellot Romanet, artista e nobildonna veneziana, esponente del Novecento, cresciuta alla scuola di Carlo Socrate, nota per la realizzazione di uno dei due Cristo in gonnella noti al mondo. Si inaugurerà il prossimo venerdì 6 ottobre, alle ore 18,00 da Artétika, spazio espositivo per l’anima, in via Giorgio Castriota, 15, a Palermo. La mostra, organizzata da Esmeralda Magistrelli e Gigliola Beniamino Magistrelli, in collaborazione con Ags_studio di Angelo Ganazzoli e Giorgia Rampulla, sarà presentata da Maria Antonietta Spadaro, storico dell’arte. Visitabile fino al 26 ottobre, dalle ore 10 alle 13 e dalle 16,30 alle 19, dal lunedì al sabato. Per informazioni: 333/5747244. 

Le opere in mostra, dalle tele, alle sculture, ai collage “creati al femminile”

Tra le 25 opere di varie dimensioni, di “Padre nostro, umore e luce”, di cui 15 appese e 10 sculture, realizzate tra gli anni Novanta fino al 2023. La più discussa è il Cristo in gonnella, un unicum della tradizione spagnola e siciliana, insieme al Cristo di Burgos, custodito nella chiesa di San Giovanni Evengelista a Scicli. Entrambe rappresentano un Gesù crocifisso con indosso una veste che ne copre le gambe fino alle caviglie, mentre l’iconografia tradizionale vuole che Cristo in croce, indossi il perizonium, dal greco, cintura attorno al fianco. La gonna del Cristo nella creazione di Stefania Bellot Romanet è materica, in rilievo e riccamente adornata, come molte delle opere in mostra, in cui l’esagerazione dell’accumulo compositivo sembra esprimere e amplificare l’estetica barocca siciliana.

Il commento della gallerista Esmeralda Magistrelli

“Non solo dipinti tra le tele di Stefania Bellot Romanet – racconta la gallerista di Artétika, Esmeralda Magistrelli –, ma anche collage, con vari materiali, creati al femminile, e cioè con oggetti come borse, scarpe e indumenti, appartenuti all’artista. Inoltre, una caratteristica affascinante, è la presenza quasi occulta di occhi. Occhi vivi che sbucando improvvisamente dalle opere e che scrutano, seguono e osservano, senza lasciarti mai. Te li porti dentro con i loro pensieri immaginari”.

Chi è Stefania Bellot Romanet

Formatasi alla scuola romana e allieva prediletta di Carlo Socrate, Stefania Bellot Romanet, ha fatto il suo ingresso nel mondo dell’arte a metà del Novecento con uno stile in continua evoluzione, dal realismo all’espressionismo fino all’astratto. Il suo amore per i toni scuri, umorali, intervallati da vivaci colpi di luce, crea un equilibrio delicato e drammatico di luci ed ombre, dando vita a un’espressione artistica inedita. In quest’equilibrio si riflettono le sue tenebre personali e le sue luminosissime aspirazioni, oltre alle sue profonde riflessioni sull’umano e sul divino. La personalità della Bellot emerge chiaramente in ogni sua creazione, con una passione che solo i veri artisti possiedono e una freschezza esecutiva tipica dei bambini. I forti contrasti cromatici narrano di un fermento mai placato che continua a guidare l’artista, indipendentemente dall’età.

https://www.facebook.com/Artetika.viagiorgiocastriota15

Condividi questo articolo sui tuoi social...

ULTIMI ARTICOLI

consigliato da be

non perderti

RIMANIAMOIN CONTATTO

Ricevi tutte le news di Be Sicily Mag

Subscription Form (#3)

spot_img