spot_img
venerdì | 23 Febbraio | 2024

ultimi articoli

Santo Cielo, il film di Ficarra e Picone, al cinema

Una favola natalizia che riesce a far ridere e commuovere, toccando con grande maestria e leggerezza temi importanti come la parità di genere, la paura della diversità, l’accettazione dell’altro, sempre con il sorriso sulla labbra. Il nuovo film di Ficarra e Picone, “Santocielo” è in uscita nelle sale da oggi 14 dicembre. La pellicola è diretta da Francesco Amato (sua la regia della serie tv Imma Tataranni – Sostituto procuratore e del film 18 regali) mentre soggetto e sceneggiatura sono di Salvo Ficarra, Valentino Picone, lo stesso Amato con Davide Lantieri e Fabrizio Testini. La produzione è di Attilio De Razza per Tramp Limited in collaborazione con Medusa Film. 

Tutto inizia da un paradiso “Santocielo” dove gli angeli in assemblea decidono di inviare sulla terra un nuovo messia per cercare di salvare gli uomini dalle tante piaghe che li affliggono, dal disastro climatico alle guerre. A fare l’annunciazione, si candida Aristide (Valentino Picone), che dovrà insufflare nel grembo della nuova Madonna proprio il nuovo Messia. Ma Aristide, per inesperienza e per una serie di equivoci ed errori, finisce per “ingravidare” non la prescelta ma tale Nicola Balistreri (Salvo Ficarra), un professore bigotto, ossessionato dai pregiudizi e da ciò che la gente dice di lui. Trascinati dagli eventi, i due finiranno per fare squadra e diventare grandi amici e complici, con imprevedibili conclusioni. Le risate sono assicurate ma ogni capitolo della storia, come ci spiegano gli interpreti e coautori, va oltre la commedia e fa riflettere con garbo ed ironia. 

“Il maschio di questi tempi ha sicuramente un problema culturale – ha commentato Valentino Picone – perché è scoraggiante che un uomo non riesca ad accettare la fine di un rapporto sentimentale. Speriamo che la gente esca dalle sale, dopo avere visto il film, almeno con un ragionevole dubbio, con un punto interrogativo in testa”. Il rapporto con la religione sembra spesso ricorrente nei loro film, come ne il Primo Natale o in La Matassa. “In tutti i nostri film più importanti, c’è la figura di un prete – dice Salvo Ficarra – la religione ci fornisce sempre spunti di riflessione importanti. Qui, abbiamo voluto affrontare il tema dell’amore senza se e senza ma, che incarna anche un Dio evoluto, molto più evoluto di noi”. Nel cast, oltre al duo, Barbara Ronchi nei panni di Giovanna, la moglie di Nicola che però vuole la separazione e Maria Chiara Giannetta, che interpreta una sognante Suor Lucia, mentre nei panni di Dio, con tanto di sigaro, c’è Giovanni Storti del trio Aldo, Giovanni e Giacomo. Tanti i camei affidati ad interpreti siciliani, come Mary Cipolla, Ernesto Maria Ponte, Gino Carista, un po’ sacrificati dalle esigenze del montaggio. “Comici a cui siamo tanto legati – spiega Ficarra – e che sono un po’ i nostri idoli. Della loro partecipazione siamo grati, perché quelle poche battute senza la loro personale interpretazione non avrebbero lo stesso effetto straordinario”.  “Avevamo da tempo in mente di fare un film sugli angeli – continuano – e la partenza deflagrante è stata poi l’inizio di una trama il cui sceneggiatore è stato il film stesso. E’ il film che ci ha costretto poi a prendere posizione. E’ anche vero che noi ci divertiamo ancora con le gag più semplici”. “Ci siamo anche emozionati e continuiamo ad emozionarci alle varie proiezioni – argomenta Picone – mi sono emozionato ripensando al valore della preghiera, agli anziani che spesso sono più illuminati dei giovani ed anche alle diversità, che vanno apprezzate”.  Il film è stato girato a Catania ed è stato sostenuto dalla Sicilia Film Commission. Nicola Tarantino, della Sicilia Film Commission, interviene: “Siamo orgogliosi di essere partner di questo film, il primo progetto presentatoci da Ficarra e Picone. Siamo sicuri che sarà un grande successo. La Sicilia sforna talenti cinematografici ma è anche diventata un set di tante produzioni. I film possono essere anche volano di promozione turistica della nostra Isola ”.

di Isabella Napoli 

Condividi questo articolo sui tuoi social...

Latest Posts

non perderti

RIMANIAMOIN CONTATTO

Ricevi tutte le news di Be Sicily Mag

Subscription Form (#3)

spot_img