spot_img
venerdì | 23 Febbraio | 2024

ultimi articoli

Il trenino alla Città dei Ragazzi. Pronti, si parte!

Un trenino che pare uscito da un film in costume, con la locomotiva nera che sbuffa e gli allegri vagoni verdi addobbati a festa: era una promessa fatta il giorno dell’apertura della Città dei Ragazzi, ed è stata mantenuta. Così nei giorni scorsi è partito il trenino, un’altra tessera che si aggiunge al processo di rinascita dello spazio disegnato nel 1956 dallo scenografo e pittore Gino Morici, oggi cogestito dal Comune di Palermo e dalle Vie dei Tesori. Per i tempi la Città dei Ragazzi fu veramente un’idea pionieristica, un luogo in cui i bambini potevano divertirsi, imparare, giocare. Allora l’avventura durò pochi anni, fino al 1960, poi la Città chiuse i battenti e si dovrà attendere fino al 1994 per il suo restauro. Altri anni di chiusura, qualche apertura spot, ma da due mesi rieccola piena di bambini. Che chiedevano a gran voce il trenino, uno dei simboli della Città dei ragazzi come il famoso battello – che schiaccia l’occhio alle chiatte sul Mississippi -, ma anche il Tirannosaurus Rex e lo Stegosauro di Mario Pecoraino. L’attuale trenino, alimentato a batterie da 24 volt, fu realizzato a fine anni ’90 dalla ditta Bennici e Vassallo, ma i binari sono del 1955, e hanno una storia visto che Gino Morici richiese quelli di una miniera dismessa. Lo scartamento infatti non è quello tradizionale, ma serviva per trasportare i vagoni carichi di materiale estratto dai minatori.

“Con l’attivazione del trenino alla Città dei Ragazzi restituiamo un altro pezzo di storia alla città. Negli ultimi due mesi abbiamo riscontrato il grande entusiasmo dei cittadini, delle famiglie, delle scuole per l’apertura di questo polmone verde e di questo ringrazio Le Vie dei Tesori che ha lavorato in stretta collaborazione con l’assessorato alle Politiche sociali per offrire servizi e attività all’altezza della tradizione di questo spazio” ha detto il sindaco Roberto Lagalla, che è salito sul trenino per il suo giro inaugurale. “Il trenino storico completa il puzzle di interventi sulla Città dei ragazzi, la storia di questo sito è stata finalmente restituita alla città” interviene l’assessore comunale alle Politiche sociali, Rosi Pennino. “Una bellissima giornata di sole per inaugurare un altro pezzo di questo parco storico, il trenino che la città aspettava. E tantissimi bambini oggi sono già saliti in carrozza” dice Laura Anello, presidente della Fondazione Le Vie dei Tesori. 

Il trenino è quindi tornato in vita: otto minuti per il giro completo, si entra dalla Stazione e ci si siede in uno dei vagoni, mentre il capostazione abbassa la paletta. E lo guideranno ferrovieri “autentici”, visto che sono stati coinvolti i macchinisti in pensione dell’associazione Treno DOC: “Il treno storico nacque negli anni ’50, poi fu dismesso, chiuso, recuperato – dice Marcello Balsamodi Treno DOC – Le Vie dei Tesori ci hanno chiesto di fare da partner per la conduzione e la gestione del trenino che finalmente è di nuovo disponibile”. Il trenino correrà sulle rotaie abbracciando l’elegante caffeaos bianca disegnata da Venanzio Marvuglia – dove a giorni ritorneranno anche i concerti – , immergendosi nel mini-bosco di spettacolari ficus, lecci, cespugli di bosso. Un bellissimo tour che si aggiunge a quello sul battello, già molto gettonato, oltre ai laboratori e alle esperienze della Città dei Ragazzi.

Previsto un piccolo contributo sia per l’ingresso che per i laboratori e le esperienze.

Condividi questo articolo sui tuoi social...

Latest Posts

non perderti

RIMANIAMOIN CONTATTO

Ricevi tutte le news di Be Sicily Mag

Subscription Form (#3)

spot_img