sabato | 20 Aprile | 2024

ultimi articoli

Gesap: il programma operativo per il 2024

Accoglienza e efficienza. Punta a fare rima con questi due concetti il programma operativo per il 2024 della Gesap, la società di gestione dell’aeroporto Falcone e Borsellino. La ragione sta dentro la previsione di un 6% in più di passeggeri in arrivo quest’anno nel capoluogo siciliano, rispetto a quelli del 2023, il cui numero ha sfondato il tetto di 8 milioni di visitatori. 

Una tendenza connessa in particolare al piano della Gesap per la prossima estate, nel quale spiccano 90 rotte, di cui 26 nazionali e 64 internazionali, operate da 35 compagnie aeree, da e verso 26 paesi in totale. Numeri legati in particolare all’intensificazione delle tratte già esistenti. In altre parole, più voli giornalieri verso le stesse città, che si traducono nella possibilità di riprotezione dei passeggeri su altri orari. La programmazione dei voli estivi sarà composta da 26 rotte nazionali: Alghero (Ryanair), Ancona (Volotea), Bari (Ryanair), Bergamo (Ryanair), Bologna (Ryanair), Brindisi (Ryanair), Cagliari (Ryanair), Cuneo (Ryanair), Firenze (Vueling, Volotea), Forlì (Ryanair), Genova (Ryanair), Lampedusa (DAT), Milano Linate (ITA Airways); e, ancora, Milano Malpensa (Ryanair, EasyJet), Napoli (Ryanair, EasyJet, Volotea), Olbia (Volotea, Enter Air (C)), Pantelleria (DAT), Parma (Ryanair), Perugia (Ryanair), Pisa (Ryanair), Rimini (Ryanair), Roma Fiumicino (ITA Airways, Ryanair, Aeroitalia), Torino (Ryanair, Volotea), Trieste (Ryanair), Venezia (Ryanair), Verona (Ryanair, Volotea). 

Per l’aeroporto di Palermo, il 2024 sarà un anno ricco di novità anche sotto il profilo internazionale. Quella principale, era già stata annunciata alcuni mesi fa: la tratta  Palermo – New York, che, dopo sette anni tornerà a essere operativo dal prossimo mese di giugno grazie alla Neos, compagnia aerea del gruppo Alpitour World, specializzata in voli internazionali e di lungo raggio, che metterà a disposizione il suo Boeing 787 Dreamliner da 355 posti per partire ogni lunedì e tornare dalla Grande Mela ogni sabato. Un operativo voli assicurato fino  alla prima metà di settembre, ma che – ipotizzano alla Gesap, in caso di particolare successo del collegamento, rivolto soprattutto a chi ha legami familiari negli Stati Uniti, potrebbe essere allungato di un altro mese.  

In base al programma operativo per la Summer 2024 ci sono altre due novità. Una è un nuovo collegamento verso la Polonia: Poznan, importante centro est-europeo a 300 km da Varsavia e a 450 da Cracovia. A operarlo sarà la Ryanair che già da Palermo offre due voli per la Polonia,  su Cracovia e su Breslavia. L’altra nuova tratta è invece diretta a Brest, capoluogo della Bretagna affacciato sull’Atlantico e sarà operata in estate da Volotea .

Un traffico soprattutto nazionale, quello dell’aeroporto di Palermo: nel 2023 sono stati più di 5 milioni e 700 mila i passeggeri verso i principali scali della Penisola, pari al 70,60 per cento del totale. Ma con un’intonazione alla crescita anche verso quelli europei, l’anno scorso attestatasi su 2 milioni e 378mila passeggeri, poco più del 29%. 

Rispetto al trend di crescita dell’intero traffico aereo nazionale nel decennio 2013-2023, attestatosi al 36,8%, lo scalo palermitano ha fatto registrare, sempre nel medesimo periodo, una performance dell’86,5% di passeggeri in più. Numeri legati anche a un’eccezione rappresentata dall’aeroporto di Punta Raisi: “mentre tutti gli aeroporti italiani hanno raggiunto soltanto tra la fine del 2023 e questo primo periodo del 2024 i livelli di traffico precedenti il periodo della pandemia, il nostro ha toccato lo stesso risultato con un anno di anticipo, grazie in particolare alla crescente attrattività della Sicilia come destinazione turistica- spiega il presidente della Gesap Salvatore Burrafato.

L’aeroporto di Punta Raisi fa segnare una crescita del 15,2% di posti offerti dai vettori aerei rispetto al 2019. Dato, questo, che piazza Palermo sulla nona posizione tra gli aeroporti italiani. Sempre nel traffico domestico le rotte che pesano di più sono, nell’ordine, quelle riguardanti i tre aeroporti lombardi di Malpensa, Linate e Orio al Serio, con oltre un milione e 700mila passeggeri, corrispondenti a poco meno del 30% del traffico annuo, seguite da quelle per Roma Fiumicino, che da Palermo fa totalizzare poco meno di un milione e 400 mila passeggeri, pari al 24,28%. A seguire, le destinazioni di Venezia, Napoli, Bologna, Verona Pisa e Torino e gli aeroporti di Lampedusa e Pantelleria, che valgono il 3% del traffico totale da e per il capoluogo siciliano. 

A dominare tra i collegamenti internazionali con Palermo, è la Francia, con oltre il 24% dei voli, seguita dai collegamenti con la Germania, il 19,2%, la Gran Bretagna con il 10,8%, la Spagna il 10,1% e la Svizzera con l’8,9%. 

Primi cinque vettori da e per l’aeroporto Falcone e Borsellino sono la Ryanair con il 54,5% del traffico, Ita Airways con il 13,4%, EasyJet con il 9,9%, Volotea con il 5,1% e Transavia, aerolinea olandese del gruppo Air France-KLM. Principali rotte europee si confermano nell’ordine quelle verso l’area di Parigi, con i tre aeroporti di Roissy Charles de Gaulle, Orly e Beauvais, con oltre 295.000 passeggeri all’anno, pari al 12,4% e una media di passeggeri a volo di 157 persone. Seguono i voli su Londra, con gli scali di Heathrow, Gatwick e  Stansted: 228.358 passeggeri nel 2023, pari al 9,6% del totale e una media di passeggeri per volo di 160 persone.  E i collegamenti con Zurigo, operati dalla Swiss: oltre 137 mila passeggeri, pari al 5,8% e una media di 141 passeggeri sui singoli voli.

Stanno intanto per essere ultimati i lavori del quadriennio di programmazione conclusosi a dicembre del 2023. “Si tratta di interventi sia strutturali che di restyling su una porzione della sezione arrivi e sulle aree delle partenze e dei transiti-spiega Natale Chieppa, direttore generale Gesap. Questi lavori si concluderanno non oltre la primavera”. Per i prossimi 4 anni la Gesap ha in programma una spesa di quasi 70milioni di euro: risorse da impiegare in chiave green e di progressiva decarbonizzazione della struttura aeroportuale. “Le previsioni di un ulteriore aumento di passeggeri in vista della stagione estiva sono il risultato della efficace progettualità della Gesap – sostiene l’assessore comunale al Turismo Alessandro Anello – Si tratta di una piattaforma importante per incrementare un’economia legata al turismo. In questa direzione stiamo lavorando per favorire le migliori condizioni di accoglienza e permanenza a Palermo, che quest’anno offrirà una ricca lista di eventi per il  400° Festino di Santa Rosalia”.

Antonio Schembri

Condividi questo articolo sui tuoi social...

ULTIMI ARTICOLI

consigliato da be

non perderti

RIMANIAMOIN CONTATTO

Ricevi tutte le news di Be Sicily Mag

Subscription Form (#3)

spot_img