sabato | 25 Maggio | 2024
MARCO PETROLITO
MARCO PETROLITO
Nato in terra veneziana nel 1978 ma siciliano da sempre, a contraddistinguermi è la passione per la musica e l'arte. Ma amo tantissimo viaggiare ed il buon cibo. E vivo di sport. Giornalista da quasi 20 anni per provare a raccontare e a trasmettere, con la scrittura, le emozioni legate al mio mondo.

ultimi articoli

“Siracusa in piazza”, l’evento con Le Vibrazioni e Angelo Famao nella storica Borgata

"Siracusa in piazza", l'evento dal 24 al 25 di aprile nella Borgata: street food e musica per rilanciare una zona colpita dalla crisi

MARCO PETROLITO
MARCO PETROLITO
Nato in terra veneziana nel 1978 ma siciliano da sempre, a contraddistinguermi è la passione per la musica e l'arte. Ma amo tantissimo viaggiare ed il buon cibo. E vivo di sport. Giornalista da quasi 20 anni per provare a raccontare e a trasmettere, con la scrittura, le emozioni legate al mio mondo.

Dall’idea di valorizzare gli spazi pubblici della città di Siracusa attraverso la promozione di una serie di concerti e di percorsi enogastronomici tipici della tradizione del territorio nasce l’evento “Siracusa in piazza”. Una manifestazione che dal 24 al 25 di aprile si svolgerà nella storica “Borgata”, dove, per l’occasione, ci saranno vari spettacoli come, su tutti, il concerto della band “Le Vibrazioni”.

Gli eventi di “Siracusa in piazza”: dallo “street food” ai concerti di Famao e Le Vibrazioni

Piazza Santa Lucia e i suoi ampi spazi saranno letteralmente divisi a metà in occasione di “Siracusa in piazza“: da un lato, dalle 18 in poi di mercoledì 24, ci saranno degli stand gastronomici dove a farla da padrone sarà lo “street food”, con tantissime specialità locali, mentre sul versante opposto dell’area, a partire dalle 20, si terranno degli spettacoli di vario genere, molti dei quali, tra l’altro, non sono stati ancora ufficializzati.

Tra gli ospiti ci sarà, il 24 sera, Angelo Famao, cantante siciliano classe ‘96 che farà ballare il pubblico della piazza al ritmo delle canzoni che negli ultimi tempi hanno spopolato sul web. Giovedì 25 aprile, invece, l’appuntamento più atteso, quello con Le Vibrazioni, famosissimo gruppo “pop” di Milano conosciuto da decenni e ricordato, su tutti, per i brani “Vieni da me”, “Dedicato a te” e “In una notte d’estate”. La band ha inserito proprio Siracusa tra le tappe del suo tour 2024.

Gli organizzatori: “È solo il primo di una serie di eventi di cui la città ha bisogno”

Promossa da “Philotes Aion” col patrocinio dell’assessorato regionale all’Agricoltura, la manifestazione consentirà al pubblico di poter fruire degli spettacoli in maniera del tutto gratuita. “È per noi un regalo alla città e alla bellissima piazza Santa Lucia”, ha tenuto a ricordare Umberto Lo Verde, presidente dell’associazione culturale “Philotes Aion”, auspicandosi che eventi di questo tipo possano essere riproposti anche in futuro.

“La scelta degli artisti e dei relativi generi che verranno proposti, – hanno aggiunto gli organizzatori – ci consente di rivolgerci ad un pubblico molto vasto ed eterogeneo, dai più giovani a quelli un po’ più grandetti. Lo scorso anno, a metà ottobre, abbiamo deciso di dar vita a questo progetto e finalmente, dopo averci lavorato sù un bel po’, stiamo per farcela, per cui è normale che ci siano delle aspettative alte e ci auguriamo che questa due giorni possa riscuotere un grande successo di visitatori”. 

La Borgata” di Siracusa, dalla crisi alla rinascita

Un tempo la zona in cui si svolgerà l’evento del 24 e 25 aprile veniva considerata fondamentale, una delle aree più importanti di Siracusa, che, tra l’altro, “rivelava” e rivela ancora oggi la vera identità della città: via Piave, poi, ha sempre rappresentato una zona ricca di attività commerciali e di botteghe d’artigianato, molte delle quali continuano a sopravvivere. La piazza che sorge nel quartiere rimane la più grande della città aretusea, ma, mentre negli anni ‘90 anni Ortigia si evolveva rapidamente e veniva riqualificata, la Borgata subiva un processo inverso, andando incontro ad un lento e progressivo degrado. È così che il vecchio e popoloso quartiere di Santa Lucia, dove si trovano la chiesa ed il sepolcro che vide il martirio e l’uccisione della patrona di Siracusa, ha quasi vissuto un’involuzione, divenendo una zona definita sempre più spesso “brutta”, e, per molti, anche un po’ pericolosa.

Eppure l’atmosfera che la caratterizza è unica, e, se negli ultimi anni sono state realizzate diverse opere pubbliche per valorizzarla e molti turisti (e anche tanti investitori) stanno tornando a sceglierla come zona meno “cara” rispetto al centro per risiedere in città, un motivo dev’esserci. Oggi, del resto, Ortigia si sta sempre più “globalizzando”, mentre la Borgata è rimasta una zona più a misura d’uomo, dove si può ancora apprezzare il folclore ed il sapore del fascino di un tempo. È anche per questo motivo che la sua rinascita passa da eventi come quello che si svolgerà la settimana prossima, che rappresenterà per la città intera un banco di prova ed una scommessa assolutamente da vincere.

Condividi questo articolo sui tuoi social...

ULTIMI ARTICOLI

consigliato da be

non perderti

RIMANIAMOIN CONTATTO

Ricevi tutte le news di Be Sicily Mag

Subscription Form (#3)

spot_img