giovedì | 20 Giugno | 2024
Giulia Fici
Giulia Fici
Studentessa in Scienze della Comunicazione a Unipa, scrive per BeSicily da marzo 2023. Specializzata nel settore degli eventi, moda, cinema e serie tv girate in Sicilia. Ama viaggiare, leggere e scrivere.

ultimi articoli

Digitale terrestre, aggiornamento in arrivo: a 14 milioni di italiani servirà un nuovo televisore

Digitale terrestre, si saluta il DVB-T1 e si fa spazio al DVB-T2: in molti non sono attrezzati, per cui sarà necessario cambiare il televisore

Giulia Fici
Giulia Fici
Studentessa in Scienze della Comunicazione a Unipa, scrive per BeSicily da marzo 2023. Specializzata nel settore degli eventi, moda, cinema e serie tv girate in Sicilia. Ama viaggiare, leggere e scrivere.

Il prossimo aggiornamento del digitale terrestre avverrà quest’estate e in molti si stanno già domandando se potranno continuare a vedere i canali attraverso il proprio televisore. È prevista il 28 agosto 2024 l’accensione del primo Mux in DVB-T2 da parte della Rai. Si tratta di una nuova tecnologia che consentirà di utilizzare la medesima banda elettromagnetica per la trasmissione di più canali utilizzando minori frequenze. Inoltre, permetterà una migliore gestione delle frequenze, liberando quelle a 700 MHz del DVB-T1 per consentire al 5G di diffondersi in tutta Italia. I primi test sono stati effettuati in queste ore.

Il passaggio alla nuova tecnologia però, secondo Assoutenti e Codacons, non sarà poi così agevole per gli italiani. Perché? In Italia sono ancora tantissimi gli apparecchi di vecchia generazione che andranno sostituiti o dotati di nuovi decoder, perché incompatibili con i nuovi standard di trasmissione: secondo il report Auditel-Censis dell’anno scorso, oltre 14 milioni di televisori non sono in grado di supportare il nuovo segnale.

Digitale terrestre: come verificare se il proprio televisore è in regola con l’ultimo aggiornamento

In molti si stanno attrezzando per evitare di rimanere senza televisore il prossimo 28 agosto. Per verificare la compatibilità del proprio dispositivo è sufficiente sintonizzarsi sui canali 100, 200 o 558 (Rai Sport HD): se sono visibili, non è necessario sostituire l’apparecchio. Anche se appare la scritta Test HEVC Main10 significa che la tv è in regola con il nuovo aggiornamento. In ogni caso, dovrebbero avere garanzia di funzionamento anche dopo l’introduzione del DVB-T2 tutti i televisori che sono stati acquistati a partire dal 2018.

Quando è necessario acquistare un nuovo televisore

Nel caso in cui le condizioni evidenziate non si verifichino, la brutta notizia è che è necessario acquistare un nuovo televisore oppure un decoder compatibile con l’aggiornamento del digitale terrestre. Il presidente di Assoutenti, Gabriele Melluso, ha annunciato che verranno richieste al Governo delle misure ad hoc: “Andrebbero previsti bonus e incentivi per quei cittadini che, per continuare a vedere la tv, saranno obbligati a rottamare il proprio apparecchio andando incontro a nuove spese”.

Nell’attesa di saperne di più, c’è chi si sta già muovendo, approfittando di sconti e offerte nei tanti negozi di elettronica in Italia. Nel nuovo centro Expert Cascino a Palermo, ad esempio, i clienti potranno affidarsi ad esperti del settore che, in base alle esigenze, proporranno la soluzione più conveniente e funzionale.

Condividi questo articolo sui tuoi social...
-- Pubblicità --

ULTIMI ARTICOLI

consigliato da be

non perderti

RIMANIAMOIN CONTATTO

Ricevi tutte le news di Be Sicily Mag

Subscription Form (#3)

spot_img