sabato | 13 Aprile | 2024

ultimi articoli

Teatro Massimo, bambini e ragazzi sul palco e in platea: i progetti

Al Teatro Massimo porte aperte ai giovanissimi: cinque formazioni per i nuovi talenti e tante iniziative per averli tra il pubblico (Foto in copertina di Franco Lannino)

La Fondazione Teatro Massimo destina alle attività per bambini, ragazzi e giovani molto tempo e risorse. È una sorta di attività parallela alle stagioni istituzionali (sinfonica e Opere e Balletti) ma altrettanto importante per la creazione della sensibilità degli artisti e del pubblico del futuro.

Teatro Massimo, i cinque gruppi giovanili

I gruppi giovanili che operano in Teatro – e anche in occasioni pubbliche istituzionali fuori dal Teatro – sono diverse. La Massimo Kids Orchestra (formata da oltre 120 giovanissimi tra i sette e i quindici anni); la Massimo Youth Orchestra (composta da 80 giovani di età compresa tra i 16 e i 26 anni) e la Marching band della Massimo Youth Orchestra (formata dagli ottoni della Massimo Youth Orchestra) sono dirette dal Maestro Michele De Luca. Il Coro di voci bianche (formato da oltre 60 elementi di età compresa tra i 7 ed i 14 anni) è diretto invece dal Maestro Salvatore Puntur. Infine per i ragazzi più grandi c’è la Cantoria (composta da circa 30 giovani di età compresa tra i 15 e i 26 anni), diretta dal Maestro Giuseppe Ricotta.

Il Teatro Massimo inserisce periodicamente sul proprio sito le date delle audizioni per entrare a fare parte dei gruppi giovanili.

Teatro Massimo
Foto di Franco Lannino

La serie “Spotlights on Future – A New Massimo Generation”

Il decimo episodio della serie “Spotlights on Future – A New Massimo Generation“, un progetto realizzato da Claudio Di Domenico, permette di scoprire l’arte e la creatività dei tecnici, ma essenzialmente “artisti”, che operano presso i Laboratori Scenotecnici della Fondazione Teatro Massimo di Palermo. È proprio con la complicità dei giovani musicisti della Massimo Kids Orchestra e della Cantoria che si scoprono segreti e particolari curiosità. È un modo per dare voce a chi lavora dietro le quinte, di cui spesso si conosce pochissimo.

Protagonisti della serie prodotta da Fedora Platform alcuni tra i duecento bambini e ragazzi tra i sette e i ventisei anni che animano la Massimo Kids Orchestra, la Massimo Youth Orchestra, il Coro di voci bianche e la Cantoria del Teatro Massimo, che condividono con gli spettatori particolarità e curiosità dello strumento musicale che suonano e del far musica insieme. Gli episodi, in italiano con sottotitoli in inglese, sono disponibili sul sito.

Teatro Massimo
Foto di Rosellina Garbo

Le attività del Teatro Massimo dedicate alle scuole 

Oltre a queste attività di formazione il Teatro ha una programmazione dedicata alle scuole, che è stata ideata di concerto tra la direzione artistica di Marco Betta e l’Ufficio EDUCATIONAL diretto da Marida Cassarà che anima il Teatro. 

Così, durante l’anno scolastico 2023/2024 sono state programmate in teatro 25 produzioni di spettacoli per ragazzi per un totale di 162 recite di cui 138 matinée dedicate alle scuole di ogni ordine e grado e 19 tra domenicali, pomeridiane e serali per le famiglie. Per una partecipazione di circa 35.000 giovani dai 2 ai 18 anni, di cui circa 30.000 provenienti da circa 220 scuole di tutta la Sicilia, scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo grado e di secondo grado.

Il balletto di Cenerentola

Un appuntamento invece adatto non solo alle scolaresche ma alle famiglie al completo è rappresentato da “Cenerentola”, il balletto che vede come protagonista al Teatro Massimo di Palermo il Corpo di ballo del Teatro diretto da Jean-Sébastien Colau. Grandi applausi nel corso delle repliche per Mojca Lavrenčič, la direttrice dell’Orchestra del Teatro, per il coreografo Thierry Malandain, apprezzato in tutto il mondo per lo stile e la sensualità dei suoi balletti, e per tutti gli interpreti e i solisti che hanno dato prova di grande maestria.

Creato per il Teatro Bolshoi di Mosca nel 1945 dal coreografo Rostislav Zakharov, “Cenerentola”, con le sontuose musiche di Sergej Prokofiev ha avuto innumerevoli versioni coreografiche, che hanno consacrato la partitura titolo di primo piano nei teatri di tutto il mondo. La versione di Thierry Malandain ha debuttato all’Opéra Royal de Versailles nel 2013 e nel 2014 ha vinto a Berlino il premio Taglioni European Ballet Award come miglior coreografia dell’anno. Essa affronta con un approccio originale il tema del riscatto della fanciulla sola e sfortunata. È in calendario fino a domenica 24 marzo.

“Il futuro della musica è nelle mani dei giovani”

“I giovani sono il futuro della musica – dice il Sovrintendente Marco Betta – sono quell’avvenire a cui allude la frase (L’arte rinnova i popoli e ne rivela la vita. / Vano delle scene il diletto, ove non miri a preparar l’avvenire, ndr) nel frontone del Teatro Massimo. Insieme a loro stiamo disegnando percorsi che mettono insieme la musica antica, la musica classica e la musica contemporanea abbattendo tutti i generi”.

Michele De Luca Teatro Massimo Palermo Foto © rosellina garbo 2023 GRG2449 - Be Sicily Mag
Foto di Rosellina Garbo

E aggiunge il Maestro Michele De Luca: “I nostri giovani musicisti cresciuti tra le fila della Massimo Kids Orchestra stanno seguendo un percorso di formazione e crescita che li porterà tra qualche anno ad essere futuri protagonisti nel panorama musicale. Con grande impegno e disciplina hanno raggiunto un livello qualitativo alto anche grazie al lavoro svolto dai Maestri e dai Tutor del Teatro Massimo che li affiancano. Ad arricchire il loro percorso di crescita ha contribuito anche l’incontro con alcuni dei grandi direttori musicali che negli ultimi anni sono stati ospiti del Teatro Massimo”.

Condividi questo articolo sui tuoi social...

ULTIMI ARTICOLI

consigliato da be

RIMANIAMOIN CONTATTO

Ricevi tutte le news di Be Sicily Mag

Subscription Form (#3)

spot_img