sabato | 20 Aprile | 2024

ultimi articoli

Festa del papà, da Biondi a Sciascia: ecco 5 papà siciliani che (forse) non conoscevate

In occasione della Festa del Papà raccontiamo cinque papà siciliani: tra lavoro e famiglia, il loro rapporto coi figli è davvero unico

In occasione della Festa del Papà abbiamo deciso di intrufolarci nella vita nascosta di cinque papà siciliani e raccontarvi il rapporto unico che hanno o hanno avuto con i loro figli.

Rosario e Angelica Fiorello

Nonostante sia uno degli showman più in vista e più amati d’Italia, Fiorello ha sempre mantenuto privata la sua vita familiare. Ma negli ultimi anni, compreso il siparietto che ha visto coinvolto anche il figlio di Amadeus nel corso dell’74esima edizione di Sanremo, è emerso sempre di più il tenero rapporto tra lo showman e la figlia Angelica.

Nata nel 2006, tre anni dopo il matrimonio con Susanna Biondo, da sempre segue il papà nel suo lavoro. La prima apparizione di Angelica in tv, infatti, risale al 2009, quando a soli 3 anni è salita insieme al papà sul palco del Fiorello Show.

Anni dopo, nel 2023, Angelica è apparsa sul palco di Viva Rai2 in occasione del compleanno del padre, dove si è esibita cantando il successo dei Nomadi Io vagabondo e commuovendo Fiorello.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da ViVa Rai2 (@vivarai2off)

Il 10 volte papà Mario Biondi

Altrettanto intima e privata è la vita familiare di Mario Biondi, arrivato al successo nel 2006 con il suo primo album in studio, Handful of Soul. Il cantante catanese ha svelato per la prima volta al grande pubblico la sua altrettanto grande famiglia nel videoclip My favourite things, dove appare disteso su un accogliente lettone circondato da tutti i suoi nove figli con i quali gioca e canta.

Pochi mesi dopo l’uscita del videoclip ha rivelato di essere nuovamente in dolce attesa: alla famiglia Biondi infatti si aggiungerà il decimo figlio, la cui nascita è prevista per questo mese. Il nome è già stato annunciato: si chiamerà Luca.

Il Presidente Sergio Mattarella e la first lady Laura

Essere figlio di un personaggio illustre non è mai stato semplice, ma alcuni cognomi sono certamente più pesanti di altri. Quello di Mattarella è da sempre uno di questi e chi lo porta, da Piersanti Mattarella all’attuale Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, non si è mai sottratto alle responsabilità.

È il caso anche di Laura Mattarella, la primogenita del Presidente della Repubblica Italiana che dal 2015, soprattutto in virtù della morte della moglie Marisa, accompagna il papà in tutti i suoi impegni istituzionali. Quello tra Sergio e Laura è un rapporto simbiotico, che dopo l’inizio del secondo mandato del Presidente Mattarella è stato esposto sempre più alle luci della ribalta.

Dai viaggi istituzionali in giro per il mondo al palco di Sanremo, Laura ha abbandonato la carriera da avvocato accettato di stare vicina al padre non solo come figlia ma anche come first lady.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Amadeus (@amadeusonoio)

Leonardo Sciascia e l’amore per Laura e Anna Maria

Scrittore, giornalista, saggista, drammaturgo, poeta, politico, critico d’arte e anche papà. Leonardo Sciascia non smette di essere ricordato con enorme affetto dalle figlie Laura e Anna Maria che, in occasione di quello che sarebbe stato il suo 100esimo compleanno, hanno svelato molti retroscena sul loro rapporto.

Una figura paterna presente e a volte gelosa, che ha trasmesso alle figlie l’amore per la lettura, il cinema e il teatro, oltre che il valore del lavoro. È in particolare Anna Maria Sciascia che si è raccontata in un’intervista al Corriere della Sera, svelando come papà Leonardo – nonostante fosse “figlio dei suoi tempi” – teneva che le sue figlie fossero donne forti e indipendenti in un mondo dove le donne venivano valutate e giudicate più per il loro aspetto che per il loro intelletto.

Ermanno e Jacopo: papà-figlio e compagni di squadra

Siciliani non di nascita ma di adozione, Ermanno e Jacopo Fumagalli sono un padre e un figlio unici nel loro genere.

Ermanno, classe ’82, è il portiere del Messina. È diventato papà per la prima volta nel 2005 con la nascita di Jacopo che oggi, a soli 19 anni, è già un promettente terzino, che gioca proprio nella stessa squadra. In genere nella Primavera, ma non sono mancate quest’anno le convocazioni nella formazione dei grandi, dove c’è Fumagalli sr. I due condividono il grande amore per il calcio sia in casa che in campo.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da ACR Messina (@acrmessinacalcio)

Condividi questo articolo sui tuoi social...

ULTIMI ARTICOLI

consigliato da be

non perderti

spot_img