martedì | 28 Maggio | 2024

ultimi articoli

Grand Hotel delle Palme a Mangia’s: l’investimento nel cuore di Palermo

Il Grand Hotel delle Palme è stato acquisito dalla famiglia Mangia: un investimento di 30 milioni di euro che riporta la struttura alberghiera in mani italiane

Il Grand Hotel delle Palme, situato nel centro di Palermo, è stato acquisito dalla famiglia Mangia. Un’operazione di grande lustro per il gruppo guidato da Marcello Mangia, che in un futuro prossimo punta a valorizzare numerose strutture turistiche di questo genere in tutta Italia. Esse si aggiungeranno alle 13 che si trovano in Sicilia e in Sardegna già appartenenti al brand MANGIA’S Resorts & Clubs.

L’affare, secondo quanto riportato dal Sole 24 Ore, ha visto sul piatto circa 30 milioni di euro ed è stato concluso con il sostegno di Unicredit. Un importante investimento che permetterà all’hotel di via Roma, che era stato acquistato all’asta dal fondo di investimento britannico Algebris del finanziere Davide Serra per circa 12 milioni di euro nel 2018, di ritornare ad una gestione italiana, che punterà a valorizzarne il marchio storico.

Grand Hotel delle Palme di Palermo, dalla famiglia Ingham-Whitaker al gruppo Mangia

Il Grand Hotel delle Palme ha infatti scritto la storia di Palermo. L’edificio fu costruito nel 1874 come residenza privata della famiglia Ingham-Whitaker. Inizialmente era composto da un corpo basso di due piani con un giardino d’inverno esotico che arrivava fino al mare. A caratterizzarlo era proprio l’ombra donata dalle palme che tuttora lo incorniciano e che hanno dato il nome alla struttura alberghiera. Non mancano le curiosità e i misteri attorno alla costruzione. È noto ad esempio che un tunnel sotterraneo collegava la casa alla Chiesa anglicana.

Soltanto durante la Belle Epoque la residenza, ceduta al cavaliere Enrico Ragusa, venne trasformata nell’ormai noto Grand Hotel delle Palme. I lavori di ristrutturazioni furono affidati all’architetto Ernesto Basile, che trasformò la struttura in un simbolo dell’arte Liberty. La struttura rimase inalterata, ma acquisì un nuovo prestigio grazie a vetrate policrome, maioliche preziose, porcellane, arazzi e altri ornamenti. Una nuova veste che incantò diversi personaggi illustri dell’epoca: dal compositore Richard Wagner, che qui trascorse un lungo soggiorno, a Francesco Crispi, che nelle sue sale impartiva lezioni di politica.

Oggi il Grand Hotel delle Palme ha la capacità di ospitare 250 ospiti in 123 camere, molte delle quali permettono di rivivere le sensazioni e le tracce di poeti, scrittori, musicisti, principi e artisti che le hanno frequentate. Il fascino storico e culturale è combinato ad un design più moderno ed elegante frutto delle recenti ristrutturazioni. La struttura si appresta adesso a vivere una nuova era attraverso le idee della famiglia Mangia, che è pronta a valorizzarla al meglio.

Il gruppo Mangia’s

Mangia’s opera nell’industria del turismo come uno dei primi Hotel Owner and Operator. In questi anni ha accolto sotto la sua ala 13 proprietà tra Sicilia e Sardegna, proponendo un’offerta totalmente integrata: trasporto aereo, trasferimenti, soggiorno, ristorazione, intrattenimento, escursioni ed esperienze locali. Adesso un nuovo tassello nel centro di Palermo.

Condividi questo articolo sui tuoi social...

ULTIMI ARTICOLI

non perderti

RIMANIAMOIN CONTATTO

Ricevi tutte le news di Be Sicily Mag

Subscription Form (#3)

spot_img