martedì | 28 Maggio | 2024
Silvia De Luca
Silvia De Luca
Formatasi tra Palermo e Tunisi, è laureata in Comunicazione pubblicitaria all'Università degli Studi di Palermo. La sua passione per il cinema e l’arte ha trovato spazio all'interno della redazione di BE Sicily Mag, con la quale è scoccato l’amore a prima vista nel marzo del 2024. Da allora avete letto le sue parole sul sito web di BE.

ultimi articoli

Favara celebra gli “eroi dimenticati”: inaugurato il memoriale dedicato alle vittime di mafia

Favara celebra i suoi "eroi dimenticati" con un memoriale a loro dedicato e sul quale sono incisi i nomi di tutte le vittime cadute per mano mafiosa: tra queste il piccolo Stefano Pompeo

Silvia De Luca
Silvia De Luca
Formatasi tra Palermo e Tunisi, è laureata in Comunicazione pubblicitaria all'Università degli Studi di Palermo. La sua passione per il cinema e l’arte ha trovato spazio all'interno della redazione di BE Sicily Mag, con la quale è scoccato l’amore a prima vista nel marzo del 2024. Da allora avete letto le sue parole sul sito web di BE.

Favara non dimentica i suoi caduti o come li ha definiti il sindaco Antonio Palumbo gli “eroi dimenticati”. Si tratta di quelle vittime uccise da mano mafiosa che però non vengono quasi mai nominati. Il Comune non accetta che possano essere messe in secondo piano rispetto ai nomi più altisonanti.

Il memoriale per gli “eroi dimenticati” a Favara

Domenica 5 maggio, in particolare, Favara ha celebrato la Festa della Legalità ricordando i membri della sua comunità che la mafia ha strappato via alle loro famiglie. È stato inaugurato per l’occasione un memoriale a loro dedicato: tre pannelli, donati dalla Staffetta della legalità, sui quali sono incisi i nomi delle “vittime di mafia che non vengono mai citate”. I pannelli, posti al centro del Comune, ricordano l’impegno dell’intera comunità nel costante tentativo di ottenere la verità per i propri cari scomparsi. “È arrivato il momento di dare giustizia e dignità all’intera comunità”, ha affermato il primo cittadino Antonio Palumbo.

Le vittime di mafia ricordate: c’è il piccolo Stefano Pompeo

Tra coloro che sono stati ricordati a Favara attraverso il memoriale c’è anche Stefano Pompeo, un bambino di 11 anni che, la sera del 21 aprile 1999, venne ucciso da alcuni colpi d’arma da un commando mafioso a causa di uno scambio di persona. Nessuno è mai stato condannato per il brutale omicidio. Una vittima innocente che non ha mai avuto giustizia. È per questo che l’intero comune agrigentino ha sfilato dal centro, dove è stato posto il pannello in suo onore, fino a raggiungere il cimitero di Piana Traversa, dove è seppellito.

I cittadini di Favara si sono, poi, raccolti davanti la stele del giudice beato Rosario Livatino e hanno fatto una sosta in via Padre Pino Puglisi e corso Vittorio Veneto per ricordare il beato, Gaetano Guarino e appunto il piccolo Stefano Pompeo.

Condividi questo articolo sui tuoi social...

ULTIMI ARTICOLI

non perderti

RIMANIAMOIN CONTATTO

Ricevi tutte le news di Be Sicily Mag

Subscription Form (#3)

spot_img