sabato | 25 Maggio | 2024
Giulia Fici
Giulia Fici
Studentessa in Scienze della Comunicazione a Unipa, scrive per BeSicily da marzo 2023. Specializzata nel settore degli eventi, moda, cinema e serie tv girate in Sicilia. Ama viaggiare, leggere e scrivere.

ultimi articoli

Festival dei borghi siciliani 2024 e i 46 piccoli comuni da scoprire

Dal 10 maggio via al Borghi dei Tesori Roots Festival, tre weekend ideati per scoprire una Sicilia inedita: quella dei piccoli comuni

Giulia Fici
Giulia Fici
Studentessa in Scienze della Comunicazione a Unipa, scrive per BeSicily da marzo 2023. Specializzata nel settore degli eventi, moda, cinema e serie tv girate in Sicilia. Ama viaggiare, leggere e scrivere.

Dal 10 maggio al 26 maggio via alla quarta edizione del “Borghi dei Tesori Roots Festival“, ovvero il Festival dei borghi siciliani 2024: tre weekend per esplorare luoghi, tradizioni, percorsi, ricette e conoscere artigiani dell’Isola. Ci sono 46 piccoli comuni coinvolti nell’iniziativa, che ha l’obiettivo di far riscoprire le radici della terra sicula. Il Festival è promosso dalla Fondazione Le Vie dei Tesori in collaborazione con tutti i Comuni e con l’Ufficio Scolastico Regionale e sostenuto da IGT e dalla Fondazione Sicilia, si lega all’Anno del Turismo delle radici, progetto del Ministero degli Esteri in collaborazione con Italea Sicilia, che vede come ambassador Sasà Salvaggio.

Festival dei borghi siciliani 2024: l’elenco

I borghi coinvolti nella quarta edizione del Festival dei borghi siciliani 2024, che toccano tutte e nove le province siciliane, sono: Alcara Li Fusi, Balestrate, Baucina, Bisacquino, Bompietro, Buccheri, Burgio, Calascibetta, Calatafimi Segesta, Caltabellotta, Cammarata, Camporeale, Centuripe, Cassaro, Chiusa Sclafani, Ciminna, Collesano, Contessa Entellina, Custonaci, Delia, Frazzanò, Gangi, Geraci Siculo, Giarratana, Giuliana, Isnello, Licodia Eubea, Mirto, Montelepre, Monterosso Almo, Montevago, Petralia Soprana, Petralia Sottana, Pettineo, Piedimonte Etneo, Pollina, Portopalo di Capo Passero, Prizzi, Sambuca di Sicilia, San Piero Patti, Santo Stefano Quisquina, Siculiana, Sutera, Trappeto, Valledolmo e Vallelunga Pratameno.

Si tratta di 46 piccole gemme, da esplorare con un vasto programma: circa 500 le iniziative tra siti, passeggiate ed esperienze, che coinvolgono i giovani per un racconto della Sicilia inedito che va dalle Madonie ai Nebrodi, dai Sicani agli Iblei.

“La Sicilia si scopre coi cinque sensi”

Il viaggio per i borghi siciliani passa dunque attraverso diverse tipologie di esperienze. Non si può dunque non passare anche per il cibo: “Perché la Sicilia si scopre mettendo in campo tutti e cinque i sensi, nessuno escluso”, si legge sulla piattaforma de Le Vie dei Tesori. Dai tour enogastronomici alle visite guidate, la Sicilia attende di essere scoperta in ogni suo angolo: prenota sul sito ufficiale.

Condividi questo articolo sui tuoi social...

ULTIMI ARTICOLI

non perderti

RIMANIAMOIN CONTATTO

Ricevi tutte le news di Be Sicily Mag

Subscription Form (#3)

spot_img