sabato | 25 Maggio | 2024
Isabella Napoli
Isabella Napoli
La scrittura è una delle mie passioni sin da quando bambina mi piaceva scrivere favole su animali e personaggi fantastici. Giornalista professionista dal 2004, festeggio i 20 anni di professione e ho debuttato l’anno scorso con un mio blog. Mi piace seguire la moda e scoprire talenti tra stilisti e artigiani nella mia Sicilia. Il mio lettore più critico? Mio nipote Davide Teo, 6 anni e mezzo, studia a Milano inglese e ogni tanto prova a leggere i miei articoli e li boccia.

ultimi articoli

Luca Trapanese in Sicilia: “Normalità non esiste, con un figlio disabile si può essere felici”

Luca Trapanese, autore di “Nata per te”, presenta il suo nuovo libro sulla disabilità ad Erice: l'intervista a Be Sicily Mag

Isabella Napoli
Isabella Napoli
La scrittura è una delle mie passioni sin da quando bambina mi piaceva scrivere favole su animali e personaggi fantastici. Giornalista professionista dal 2004, festeggio i 20 anni di professione e ho debuttato l’anno scorso con un mio blog. Mi piace seguire la moda e scoprire talenti tra stilisti e artigiani nella mia Sicilia. Il mio lettore più critico? Mio nipote Davide Teo, 6 anni e mezzo, studia a Milano inglese e ogni tanto prova a leggere i miei articoli e li boccia.

Luca Trapanese in Sicilia per presentare il nuovo libro “Non chiedermi chi sono” all’Istituto Superiore “Florio” di Erice, in provincia di Trapani. L’evento organizzato dalla scuola in collaborazione con la Libreria Galli Ubik-Erice, con tanto di firmacopie finale, è stato un successo. “I giovani sono molto aperti e molto più avanti delle istituzioni”, ha dichiarato davanti agli studenti. Il riferimento è ai temi impegnati di cui trattano le sue opere. L’autore infatti è soprattutto noto per il bestseller “Nata per te. Storia di Alba raccontata fra noi”, che racconta la storia autobiografica dell’adozione da single della figlia Alba, affetta da sindrome di Down, da cui è stato tratto anche un film.

A Be Sicily Mag, il celebre papà ha parlato della sua vita e dei progetti del futuro imminente.

Luca Trapanese immagine profilo - Be Sicily Mag

Luca Trapanese presenta il nuovo libro sulla disabilità

In “Non chiedermi chi sonoLuca Trapanese affronta ancora una volta in maniera efficace ma con delicatezza un argomento importante come quello della disabilità, che rappresenta il fil rouge delle sue pubblicazioni: “Questo è il mio quarto libro dopo “Nata per te”, “Le nostre imperfezioni” e “Le avventure del Sottosotto”. Sono sempre romanzi che hanno al centro le tematiche sociali ed in particolare il tema della disabilità. Penso che questo argomento non sia solo di carattere sanitario, come di solito viene affrontato, ma ritengo invece che sia un tema per così dire da sfruttare come argomento culturale”.

L’ultimo libro in particolare affronta il delicato tema del disagio mentale, con un focus sulla schizofrenia. L’ispirazione del libro è nata da un’esperienza vissuta. “Dopo il liceo, facevo il volontario e aiutavo un giovane che aveva questi problemi. Parlo di come si fa fatica a stare vicino a chi per la sua malattia magari si trascura e ha la barba lunga e sporca, mentre la famiglia non riconosce il disturbo. La società ancora ha paura di questo genere di disturbi mentali”. 

È per questo motivo che il suo è un vero e proprio appello. “La società deve capire che il disabile non è solo una persona da assistere e di cui accontentare le esigenze basilari, ha bisogno di tanto altro. Dobbiamo avere tutti la consapevolezza che il mondo della cosiddetta disabilità è vario e comprende i casi più vari, da chi ha avuto un incidente ed è magari allettato a chi è affetto da sindrome di Down”. 

“La normalità non esiste”, ha aggiunto Luca Trapanese. L’obiettivo dell’autore è quello di far capire che “si può essere felici con un figlio disabile“, si può essere felici in tanti modi. Ma è necessario raccontarlo, come l’autore stesso fa da anni sui social network, per far sì che tutti ci credano. “Alba è come le altre bambine della sua età”, ha affermato.

Pina Mandina Luca Trapanese e Iana Cardinale - Be Sicily Mag

La onlus “A ruota libera” e l’attività politica

Luca Trapanese ha fondato vent’anni fa la onlus “A ruota libera”. “L’obiettivo è offrire a persone disabili in età post scolare la possibilità di socializzare, condividere i propri talenti ed integrarsi nella comunità. Poi abbiamo creato il “Borgo Sociale”, un insieme di strutture di accoglienza per ragazzi, uomini e donne diversamente abili, autonomi e semiautonomi senza genitori o con la volontà di intraprendere un percorso di vita indipendente. Vogliamo vedere realizzati i loro sogni durante tutta la loro vita”.

Insieme alle attività di volontario e scrittore, c’è quella di assessore alle politiche sociali di Napoli. “Sono tantissimi i progetti di cui mi sto occupando ma voglio ricordare soprattutto quello di accoglienza ai migranti. Siamo stati e siamo tuttora un paese di migranti e dobbiamo imparare ad accogliere etnie diverse, ancora una volta senza pregiudizi”, ha concluso.

Condividi questo articolo sui tuoi social...

ULTIMI ARTICOLI

consigliato da be

non perderti

RIMANIAMOIN CONTATTO

Ricevi tutte le news di Be Sicily Mag

Subscription Form (#3)

spot_img