giovedì | 20 Giugno | 2024
MARCO PETROLITO
MARCO PETROLITO
A contraddistinguermi è la passione per la musica e l'arte. Ma amo anche viaggiare ed il buon cibo. E vivo di sport. Giornalista da quasi 20 anni per provare a raccontare e a trasmettere, con la scrittura, le emozioni legate al mio mondo.

ultimi articoli

Lello Analfino presenta i concerti al parco della Neapolis di Siracusa: “Un calendario di spettacoli di alto livello”

Lello Analfino presenta la stagione estiva dei concerti al parco archeologico della Neapolis di Siracusa, di cui è direttore artistico, promettendo spettacoli di alto livello: c'è però rammarico per l'impossibilità di utilizzare il Teatro Greco

MARCO PETROLITO
MARCO PETROLITO
A contraddistinguermi è la passione per la musica e l'arte. Ma amo anche viaggiare ed il buon cibo. E vivo di sport. Giornalista da quasi 20 anni per provare a raccontare e a trasmettere, con la scrittura, le emozioni legate al mio mondo.

Presentata, in lieve ritardo rispetto agli anni precedenti, la stagione estiva dei concerti che si svolgeranno al parco archeologico della Neapolis di Siracusa (e non come inizialmente previsto al Teatro Greco): da Giuliano Peparini con “Amunì” a “Goran Bregovic and The wedding & funeral band”; fino al concerto della Banda delle forze armate e degli “Incognito” a luglio; mentre, nel mese di agosto sarà la volta di “Pfm canta De Andrè”, “Panariello vs Masini”, Chiara Civello e la sua band, “Women on fire rock legend”, Tosca e Danilo Rea.

Con l’obiettivo di diffondere la cultura, ma anche di consentire a tutti di assistere alla stagione concertistica programmata per la prima volta all’Ara di Ierone II grazie a dei biglietti che, come assicurano gli organizzatori, avranno dei prezzi popolari, il direttore artistico della manifestazione, Lello Analfino, ha parlato a BE Sicily Mag degli appuntamenti in programma per provare a replicare, anche se non sarà facile, i numeri fatti registrare lo scorso anno quando i concerti estivi sono andati in scena al Teatro Greco. 

Lello Analfino: “Sarà una stagione ricca di successi”

Lello Analfino si è detto fiducioso del successo e della buona riuscita che potrà avere la manifestazione nonostante le difficoltà iniziali legate alla mancata fruizione del teatro. “Riusciremo a portare tantissima gente al parco, ne sono certo, grazie ad un calendario di spettacoli di alto livello. Qui non si tratta soltanto di vedere Bregovic in concerto ma di poterlo fare a Siracusa, in un contesto splendido come quello che si sta predisponendo nell’area archeologica”. Non è poco però il rammarico per l’aver dovuto abbandonare il Teatro Greco. Il timore era che le antiche pietre del teatro potessero danneggiarsi, come del resto avevano denunciato, tra le polemiche, vari archeologici e i rappresentanti delle associazioni culturali dopo i concerti dello scorso anno.

“Se il teatro dev’essere tutelato per ovvi motivi, lo spostamento era inevitabile. A tutti sarebbe piaciuto poterlo avere a disposizione per gli eventi, non solo agli artisti, ma avendo valutato questo posto e considerati i ritardi dovuti a dei problemi burocratici ed economici, si è optato per una soluzione diversa – spiega Lello Analfino -. Abbiamo fatto il possibile per non far saltare totalmente la stagione dando la possibilità ai siracusani di ricevere un’offerta artistica importante. Davanti ad un problema, quindi, abbiamo cercato una soluzione. Non sappiamo se sarà quella giusta ma ci auguriamo possa risultare gradita. Del resto fare è sempre meglio che chiacchierare e noi facciamo quello che possiamo, anzi anche un pò di più”.

L’Ara di Ierone al posto del Teatro Greco

La stagione, per gli organizzatori (ma anche per la città aretusea), rappresenta quindi una sorta di “anno zero”, visto il necessario spostamento dal vicino, e per certi aspetti più suggestivo, Teatro Greco. Per dar vita agli eventi verranno spesi 355 mila euro, come ha annunciato, al museo “Paolo Orsi” di Siracusa, il direttore del parco archeologico siracusano Carmelo Bennardo insieme a Lello Analfino. La struttura adibita ai concerti situata nell’Ara di Ierone II comprende un palco di 200 metri quadrati, due palchi minori collegati tramite passerella per favorire la libertà di movimento degli artisti, cinque settori dedicati alle tribune e sette per le platee, per una capienza complessiva di poco più di 4 mila posti a sedere.

Unknown 1 - Be Sicily Mag
La nuova area per i concerti alla Neapolis di Siracusa

I progetti legati alla futura fruizione del parco: l’illuminazione artistica ed il sottopasso

Tra i vari progetti in via di definizione e riguardanti la fruizione del parco della Naepolis di Siracusa, che presto, com’è stato ribadito nei giorni scorsi, sarà oggetto di ulteriori studi sul suo “stato di salute” oltre che di una serie di lavori di manutenzione ordinaria, c’è anche quello legato ad un percorso che caratterizzerà tutta l’area con tanto di voce narrante, immagini, suoni e colori per avvolgere e rendere unica l’esperienza dei visitatori. L’altro, invece, anch’esso molto suggestivo, riguarda l’ingresso in totale sicurezza dei turisti attraverso un sottopasso da realizzare nella zona della “panoramica”, precisamente in via Agnello, collegando l’area di sosta con l’ingresso del parco al fine di evitare dei pericolosi attraversamenti.

Condividi questo articolo sui tuoi social...
-- Pubblicità --

ULTIMI ARTICOLI

consigliato da be

non perderti

RIMANIAMOIN CONTATTO

Ricevi tutte le news di Be Sicily Mag

Subscription Form (#3)

spot_img