sabato | 25 Maggio | 2024

ultimi articoli

Mac Artisan, dagli orologi d’epoca dei mercatini di Palermo nascono gioielli eclettici

Mattia Abel Calvino, in arta Mac Artisan, è l’artista che recupera antichi orologi vintage in disuso per ritrasformarli in gioielli sui generis che vende nel suo laboratorio, nel centro storico di Palermo, e nei mercatini dell’usato

Crea opere uniche, frutto del suo estro creativo e della sua immaginazione. Si definisce un perfezionista e un famelico accumulatore seriale di oggetti vintage: recupera e preserva oggetti del passato e piccole rarità mai viste prima perché ama “la bellezza di pezzi antichi e dimenticati”. È questa l’arte di Mac Artisan.

Mattia Abel Calvino, chi è Mac Artisan

Mattia Abel Calvino, 27 anni, nome d’arte Mac Artisan, è un artista e artigiano palermitano che ha fatto della sua passione un vero e proprio lavoro. Trasforma ingranaggi sofisticati, lancette, viti, molle di torsione, ruote dentate e quadranti di orologi antichi e a cucù o da taschino non più funzionanti in gioielli sui generis. Li riadatta in chiave moderna.

“Quello che mi affascina – ammette a Be Sicily Mag – non è tanto il lato filosofico della distruzione del tempo, quanto la bellezza dei pezzi nascosti all’interno di orologi creati manualmente parecchi anni fa”. Essendo artigiano, Mattia riconosce il lavoro che c’è dietro. “Li compro per pochi soldi, ma per me hanno un gran valore. Esistono pezzi talmente intramontabili che conservano la loro bellezza nel tempo”.

IMG 7004 - Be Sicily Mag

Le origini dell’arte

Il suo talento e la sua inventiva emergono fin da piccolo. Mac Artisan, figlio d’arte (il papà è ebanista e falegname, nato in Etiopia, oggi in pensione), inizia a lavorare il legno all’età di 5 anni, montando e smontando oggetti di vario genere: dai lego ai magneti alle macchine telecomandate.

Crescendo Mattia impara a manipolare correttamente tornio e fresatrice. Inizia a creare ciotole e scatole kriptiche in resina, faggio e alluminio, finché arriva a realizzare filtri fumanti e sigarette elettroniche in legno, fonte di ispirazione per un anellino in ottone. Nasce da qui la sua curiosità per i gioielli, diventati ormai la sua fonte primaria di guadagno. “D’altronde – ragiona l’artista – la resistenza di un anello in legno rispetto ad uno in metallo o in ottone è differente: il primo è più delicato e non sempre viene apprezzato”.

Mattia fa i conti con la realtà. Inizia a lavorare altri metalli, come il rame e l’argento, e a produrre ornamenti preziosi. Sviluppa una precisione millimetrica. Fondamentale per la creazione di gioielli fatti a mano con ingranaggi d’epoca recuperati dai movimenti interni degli orologi grandi appena un centimetro, venduti in giro per il mondo e nei mercatini a cielo aperto dell’antiquariato o dell’usato di Palermo: da Ballarò a Piazza Marina.

D4394219 E676 4722 A8FF 5C2A60F77885 - Be Sicily Mag

Il laboratorio di Mac Artisan oggi

Nel suo laboratorio, che ha da poco aperto i battenti a pochi passi da Piazza della Rivoluzione, nel quartiere palermitano della Kalsa, si trovano creazioni davvero sui generis: fondono il fascino estetico e simbolico del tempo, acquisendo un valore storico non indifferente. “I gioielli che realizzo – spiega ancora l’artista – sono esclusivi e rari. Non seguo tanto le tendenze del momento e non copio cose già esistenti. Seguo il mio intuito”.

La passione per la perfezione, la creatività e la grande cura dei particolari rendono gli oggetti handmade di Mac Artisan dei pezzi effettivamente ineguagliabili, alla portata di tutti. “Vivo per l’unicità di questi pezzi e subisco il fascino intramontabile degli oggetti vintage. Alcune mie invenzioni conservano ancora il rubino incastonato nell’ingranaggio. È una questione di dettaglio” conclude.

E329C140 71D0 4F94 AD77 4556297D4631 - Be Sicily Mag

Articolo di Laura Barbuscia Sciascia

Condividi questo articolo sui tuoi social...

ULTIMI ARTICOLI

non perderti

RIMANIAMOIN CONTATTO

Ricevi tutte le news di Be Sicily Mag

Subscription Form (#3)

spot_img