giovedì | 20 Giugno | 2024
Isabella Napoli
Isabella Napoli
La scrittura è una delle mie passioni sin da quando bambina mi piaceva scrivere favole su animali e personaggi fantastici. Giornalista professionista dal 2004, festeggio i 20 anni di professione e ho debuttato l’anno scorso con un mio blog. Mi piace seguire la moda e scoprire talenti tra stilisti e artigiani nella mia Sicilia. Il mio lettore più critico? Mio nipote Davide Teo, 6 anni e mezzo, studia a Milano inglese e ogni tanto prova a leggere i miei articoli e li boccia.

ultimi articoli

Mattia Piazza e la maison Casa Preti in un cortometraggio: “Carmina 8/10 è un tributo a Palermo”

Lo stylist palermitano Mattia Piazza racconta il cortometraggio "Carmina 8/10", che sarà presentato al Sicilia Queer Filmfest, il 31 Maggio alle 20.30 presso i Cantieri Culturali della Zisa

Isabella Napoli
Isabella Napoli
La scrittura è una delle mie passioni sin da quando bambina mi piaceva scrivere favole su animali e personaggi fantastici. Giornalista professionista dal 2004, festeggio i 20 anni di professione e ho debuttato l’anno scorso con un mio blog. Mi piace seguire la moda e scoprire talenti tra stilisti e artigiani nella mia Sicilia. Il mio lettore più critico? Mio nipote Davide Teo, 6 anni e mezzo, studia a Milano inglese e ogni tanto prova a leggere i miei articoli e li boccia.

Un fashion film che non parla solo di moda ma anche di una famiglia i cui sentimenti e aneliti si scompongono come in un puzzle di emozioni e diventano un inno all’umanità e alla sua sacralità. Mattia Piazza, stilista palermitano classe 1993 e fondatore della maison Casa Preti, racconta per immagini la sua idea di “sentirsi a casa” con qualsiasi abito, forma e nome. Tutto ciò nel cortometraggio “Carmina 8/10“, che sarà presentato in anteprima assoluta e fuori concorso al Sicilia Queer Fimfest. L’appuntamento è per venerdì 31 maggio alle 20.30 nello spazio del Cinema De Seta ai Cantieri Culturali alla Zisa di Palermo, presenti alla prima anche il regista Enrico Bellenghi e i protagonisti. 

Sono sette minuti sospesi nel tempo, durante i quali una famiglia si aggira per le sale di una villa baronale nei pressi di Monte Pellegrino, a Palermo: guarda dalla finestra, legge il giornale, annaffia le piante. Il costante confronto con oggetti, sculture e dipinti però scatena qualcos’altro, un altro ritratto di famiglia, libero e diverso. Mattia Piazza, che ha curato la direzione artistica della pellicola, ha parlato del progetto a BE Sicily Mag.

Mattia Piazza photographer Fabrizio Milazzo cover - Be Sicily Mag

“Carmina 8/10”, un corto elegante che racconta amore e realtà

La moda è al centro del progetto di Mattia Piazza. “Carmina 8/10” è un fashion film: una categoria che rappresenta un tableau vivant, un susseguirsi di quadri estetici e che introduce la nuova collezione Casa Preti Autunno/Inverno 2024-2025. Qui però gli abiti sono un mezzo ai fini della narrazione. Da tempo Casa Preti è diventata una fucina creativa di eventi che comprende anche le performance e questa produzione ne è un altro esempio”.

I lavori sono stati molto entusiasmanti. “Le riprese sono state fatte a Villa Bordonaro ai Colli tra marzo e aprile di quest’anno Per realizzare la mia idea ho contattato il regista Enrico Bellenghi (inserito di recente nella cinquina dei miglior registi dell’anno under 25 dall’ambito festival Videoclip Italia, ndr) e ci siamo trovati subito in sintonia”, ha raccontato il direttore artistico.

“Da questa collaborazione è nato un fashion film molto elegante, girato in pellicola e quindi senza l’appiattimento tipico del digitale, con una qualità molto alta e un po’ old style, molto lontana dalle immagini dei reels dei social. Il corto racconta la mia idea di famiglia e di amore. Il regista mi ha aiutato a renderla in immagini. Per me che sono un fan delle novità, è stata una cosa nuova e per questo molto affascinante. Per le riprese, ci abbiamo messo due giorni ma la parte più lunga sono stati il pre ed il post-produzione”. 

Il cast

Nel cast del cortometraggio “Carmina 8/10” ci sono volti noti ai palermitani come l’attivista Lgbt Massimo Milani e l’attrice Simona Malato ed ancora Miguel Aponte, Bim Arnby, Luca Avanzato, Nettuno Battisti, Leonardo Modesto Cavagnera, Ayoub Dahmani, Roberta Netto, Chealsea Ngatcha, Gianluca Persia, Hugo Rammaert, Paola Scordato e Giulio Urso. “È un melting pot di artisti di varia nazionalità: italiani, francesi, belgi”, ha spiegato Mattia Piazza.

CASA PRETI FABRIZIO MILAZZO CARMINE 810 PRESS - Be Sicily Mag
Foto di Fabrizio Milazzo

La diffusione del cortometraggio

Dopo la proiezione ai Cantieri Culturali per il Sicilia Queer Fimfest, “Carmina 8/10” sbarcherà su altri schermi. “L’anno prossimo ci occuperemo della sua distribuzione anche nei festival, tra questi il Milano Fashion Film Festival e poi una rassegna dedicata a Berlino”. Il cortometraggio vuole però essere anche un regalo alla città. “Volevo lasciare un tributo alla bellezza di alcuni luoghi e qualcosa che soprattutto restasse. Un film può essere visto e visionato da pubblici diversi in tutto il mondo mentre uno show, una sfilata rimane poi confinata alla città ed allo spazio del singolo evento”.

Un regalo ma anche un elogio. “Vogliamo raccontare di una città contemporanea, che non è quella dei poteri forti e delle raccomandazioni. Ma una città dove ci sono giovani che inseguono la bellezza e che accolgono i tanti stranieri con una vocazione da isolani che viene da lontano. Sono giovani che hanno una visione e che portano avanti un’immagine di Sicilia vera, lontana dai cliché e della narrazione galoppante e stucchevole”. 

Casa Preti Carmina 8 10 9 2 - Be Sicily Mag

L’idea di famiglia raccontata in “Carmina 8/10” da Matteo Piazza si inserisce in questo contesto, ma non è autobiografica: “L’ho sviluppata grazie alla mia empatia. Molte cose che ho visto e mi sono state raccontate le ho raccolte proprio in questo corto. Di qui poi, la decisione di presentarlo al Sicilia Queer Filmfest in quanto la manifestazione ha un respiro internazionale ed è in linea con il mood della mia collezione e della mia attività, dal 2017 nel cuore del centro storico a Palermo”. 

La nuova collezione Casa Preti Autunno/Inverno 2025

La collezione Casa Preti Autunno/Inverno 2025 celebra l’amore, intesa come forza che unisce gli esseri umani, anche in tempi difficili. Ispirata agli scritti di Catullo, la collezione si concentra sul rapporto tra il poeta e la sua amata Lesbia, durante il difficile periodo in cui l’impero Romano annetteva la Grecia, un amore passionale e tormentato che trascende le convenzioni sociali. Per Casa Preti non si tratta di vestiti ma di luoghi da vivere, dalle linee morbide che permettono di indossare e abitare il capo.

Casa Preti Carmina 8 10 8 1 - Be Sicily Mag

Il lusso è interpretato come la possibilità di concedersi il giusto tempo sia nella produzione che nella scelta, permettendosi sempre spazi di libertà con capi che raccontino la giocosità e la spontaneità, attraverso materiali vinilici e colorati che interagiscono con un’anima legata alla tradizione sartoriale italiana e al rigore delle forme. 

Condividi questo articolo sui tuoi social...
-- Pubblicità --

ULTIMI ARTICOLI

consigliato da be

non perderti

RIMANIAMOIN CONTATTO

Ricevi tutte le news di Be Sicily Mag

Subscription Form (#3)

spot_img