mercoledì | 17 Luglio | 2024
MARCO PETROLITO
MARCO PETROLITO
A contraddistinguermi è la passione per la musica e l'arte. Ma amo anche viaggiare ed il buon cibo. E vivo di sport. Giornalista da quasi 20 anni per provare a raccontare e a trasmettere, con la scrittura, le emozioni legate al mio mondo.

ultimi articoli

Festa di San Paolo Apostolo a Palazzolo Acreide: dal cammino alla “sciuta”, gli appuntamenti a giugno

La festa di San Paolo Apostolo è molto sentita nella zona di Siracusa: tutti gli appuntamenti in programma a giugno

MARCO PETROLITO
MARCO PETROLITO
A contraddistinguermi è la passione per la musica e l'arte. Ma amo anche viaggiare ed il buon cibo. E vivo di sport. Giornalista da quasi 20 anni per provare a raccontare e a trasmettere, con la scrittura, le emozioni legate al mio mondo.

Palazzolo Acreide si prepara alla grande festa per il suo patrono, San Paolo Apostolo, in programma il 29 giugno con una serie di iniziative particolarmente sentite. Da segnalare, su tutte, la “peregrinatio reliquiae” (il pellegrinaggio delle reliquie di comunità in comunità), che ha preso il via domenica 9 e continuerà fino a lunedì 24, ed il santo cammino “Sui passi di Paolo“, che si svolgerà da Siracusa fino a Palazzolo a partire dal 25 giugno. Ma il culmine dei tradizionali festeggiamenti, che, ogni anno, attirano nella cittadina iblea migliaia di visitatori e di turisti, sarà proprio nella giornata di sabato 29 giugno, con l’emozionante “sciuta” e tutto il folklore ed i colori che la circondano. In programma, inoltre, sempre tra il 28 ed il 29, tanti altri eventi da non perdere legati in maniera indissolubile al passato.

Le tappe del cammino di 5 giorni di San Paolo Apostolo

I pellegrini che prenderanno parte al cammino di San Paolo Apostolo, l’iniziativa riproposta anche quest’anno dagli organizzatori della festa, si ritroveranno a Siracusa, in piazza San Giovanni alle Catacombe, nel primo pomeriggio di martedì 25 giugno, e, alle 16,45, partiranno alla volta di Belvedere, il cui arrivo è previsto per le 19,30 circa. La sera, così come avverrà anche nelle giornate successive, si svolgerà la Santa Messa del Pellegrino. Il 26 mattina si proseguirà poi verso Solarino, dov’è prevista una sosta al “Pozzo di San Paolo” ed il pernottamento dei partecipanti in un istituto religioso. Il giorno dopo, il 27 mattina, si andrà verso Sortino col relativo pernottamento che avverrà in un locale messo a disposizione dall’amministrazione.

Poi, il 28, si raggiungerà Cassaro, lungo la Valle dell’Anapo, in quella che un tempo fu la linea ferroviaria di collegamento tra Siracusa e Vizzini. Proprio all’interno di una vecchia stazione ferroviaria ristrutturata verrà effettuato un altro pernottamento prima della tappa conclusiva del 29 giugno che da Cassaro porterà a Palazzolo Acreide. Il cammino avverrà sempre proseguendo lungo la vecchia ferrovia, fino a quella che un tempo era la stazione di Palazzolo, da dove il gruppo dei pellegrini si dirigerà nella basilica di San Paolo per il pontificale delle 11.

L’iniziativa è rivolta a tutti i devoti e a chiunque volesse unirsi, dato che la partecipazione è gratuita: si camminerà per circa tre ore al giorno facendo il possibile per evitare gli orari più caldi.

Gli appuntamenti più sentiti

Tanti, poi, saranno gli altri appuntamenti nella zona di Siracusa legati alla festa estiva di San Paolo Apostolo, che è iscritta ai patrimoni immateriali Unesco ed è davvero molto sentita sia dalla comunità palazzolese così come dagli abitanti dei centri vicini: dall’accensione delle spettacolari luminarie della piazza alla svelata del simulacro, la cosiddetta “sciuta ra cammira”, con i fedeli a mani alzate che urlano frasi di giubilo come “Viva San Paulu” ed “Ecchi siemu tutti muti Paulu di la vita Patronu”.

Il 29, dopo la benedizione e la distribuzione della “spiga di San Paulu” e del cosiddetto “giru ro pani” su un carretto trainato dai fedeli per la raccolta delle “cuddure” (che vengono benedette e messe all’asta), si potrà assistere alla spettacolare “sciuta” delle 13 della statua cinquecentesca di San Paolo, raffigurato con la spada in mano, tra lo sparo dei mortaretti ed il lancio di ‘nzareddi (lunghissime strisce di carta colorate che trasformano letteralmente il cielo della cittadina e la basilica).

San Paolo viene portato a spalla in processione dai devoti, che sudati, emozionati e quasi ”storditi” da ciò che accade intorno a loro in quei momenti così concitati e ricchi di pathos, regalano a chi li osserva delle immagini davvero suggestivi, come il rito della denudazione dei bambini, issati sulla “vara” per essere offerti al Santo ed implorarne la protezione. La festa si conclude, dopo la processione serale, con i seguitissimi fuochi piromusicali.

Da segnalare, quest’anno, anche la rassegna di Enzo NieliLa Devozione di Palazzolo a San Paolo tra arte e tradizione” di via Dietro Matrice, che sarà aperta dal 23 giugno al15 luglio, la giornata di studio del 26 “Tutto per tutti, la figura di Paolo come modello di dialogo tra cultura e religioni in ambito mediterraneo” a cura del Centro studi Fabio Fiorentino, il pellegrinaggio del 27 verso l’Edicola votiva di contrada Sanpauluzzu, la “serata alla villa”, e, soprattutto, l’atteso ritorno a Palazzolo della cantante Silvia Salemi, che il 28 sera si esibirà in concerto nell’ambito del “Voce summer tour 2024”.

Condividi questo articolo sui tuoi social...
-- Pubblicità --

ULTIMI ARTICOLI

consigliato da be

non perderti

RIMANIAMOIN CONTATTO

Ricevi tutte le news di Be Sicily Mag

Subscription Form (#3)

spot_img