giovedì | 18 Luglio | 2024
Michela Giuffrida
Michela Giuffrida
Giornalista professionista, “salta” dalla televisione, alla carta stampata al web con grande agilità. Folgorata sulla via del giornalismo enogastronomico, è diventata Sommelier con la Fondazione Italiana Sommelier. Dopo un Master all’Università Sapienza di Roma, ha conseguito il diploma di Cerimonialista professionista. Insegna Comunicazione e storytelling e recentemente è entrata nella squadra di Ferpi, la Federazione Relazioni Pubbliche. Tra le sue tante passioni quella della politica che l’ha portata a Bruxelles come eurodeputato. Per i suoi meriti professionali, il presidente Giorgio Napolitano l’ha nominata Cavaliere della Repubblica.

ultimi articoli

Women on Wine, il vino sempre più al femminile: a Taormina il primo appuntamento del format

A Taormina il primo appuntamento di "Women on Wine", format dedicato alle viticoltrici siciliane che stanno rivoluzionando il panorama enoico dell’Isola

Michela Giuffrida
Michela Giuffrida
Giornalista professionista, “salta” dalla televisione, alla carta stampata al web con grande agilità. Folgorata sulla via del giornalismo enogastronomico, è diventata Sommelier con la Fondazione Italiana Sommelier. Dopo un Master all’Università Sapienza di Roma, ha conseguito il diploma di Cerimonialista professionista. Insegna Comunicazione e storytelling e recentemente è entrata nella squadra di Ferpi, la Federazione Relazioni Pubbliche. Tra le sue tante passioni quella della politica che l’ha portata a Bruxelles come eurodeputato. Per i suoi meriti professionali, il presidente Giorgio Napolitano l’ha nominata Cavaliere della Repubblica.

“Celebrare la svolta al femminile della rifiorente viticoltura siciliana”. Accattivante e, forse, un po’ pomposo, l’invito a Women on Wine punta dritto alla notizia. Perché qui le protagoniste sono donne, di quelle che le mani se le sporcano, perché la loro “rivoluzione” l’hanno fatta in vigna. Toste e preparate, tenaci e instancabili, hanno puntato l’obiettivo e, senza chiedere il permesso a nessuno, l’hanno raggiunto. Tra chi “non le ha viste arrivare” e chi invece le aspettava al varco – con quello scetticismo che, in Sicilia, solo i luoghi comuni continuano pervicacemente ad alimentare – l’effetto è stato comunque… wow!

Women on Wine, un format dedicato alle viticoltrici

Ammirazione a parte, l’esclamazione è acronimo di Women on Wine, che titola il format “dedicato alle donne che stanno rivoluzionando il panorama enoico dell’Isola”. Il via con Giulia Monteleone, dell’omonima cantina, e Sofia Ponzini, di Tenute Bosco, è fascino distillato perché a quello – innato – delle due signore del vino, si aggiunge quello decantato da Goethe come uno dei panorami più belli del mondo.

Giulia Monteleone è stata tra le protagoniste di Women on Wine
Giulia Monteleone di Monteleone

E così, tra le maioliche d’autore delle terrazze del Grand Hotel San Pietro di Taormina, le loro storie da viticoltrici si intrecciano con il percorso degustativo firmato dall’executive Chef Luca Miuccio, che ha immaginato “un crescendo di sapori, come una passeggiata su uno dei sentieri dell’Etna” ma senza rubare la scena al primo attore assoluto: il vino. Nerello mascalese e Carricante, ça va sans dire, Anthemis e Rumex – di Cantina Monteleone – ed Etna Rosato ed Etna Rosso – di Tenute Bosco. È la Doc Etna a prendere la parola, dopo le introduzioni di rito della sommelier e giornalista Valeria Lopis, declinata in quattro proposte che condividono il terroir ma brillano di personalità più che diverse. 

Sofia Ponzini è stata tra le protagoniste di Women on Wine
Sofia Ponzini di Tenute Bosco

Vitigni autoctoni, terreni vulcanici, eleganza innata, persistenza impertinente: il resto è un mix “segreto” regalato alla materia prima da una impronta femminile che si percepisce al primo sorso. Proprio sul Vulcano l’empowerment femminile avanza a passi da gigante. 

L’empowerment femminile nell’indagine Assovini

Secondo una recente indagine di Assovini Sicilia, il 97% delle cantine siciliane ha una donna nei ruoli chiave e più della metà, il 59%, la rappresenta. No, non sono ruoli di rappresentanza patinata ma strategici, visto che sulla poltrona direzionale c’è una donna a capo del marketing nel 46% dei casi e sempre una donna alla direzione tecnica e controllo qualità nel 26%. 

A Grappoli, un “giro” attorno ai Vulcani di Sicilia

Se siete in cerca di conferme sul campo, basta però spostarsi di pochi chilometri – in Sicilia, in questo periodo, è tutto un fiorire di banchi d’assaggio e manifestazioni enocentriche – per approdare a Belpasso, in provincia di Catania. Qui, a “Grappoli” – il winefestival organizzato da Sergio Bellissimo che ha scelto il tema dei vulcani del Mediterraneo per raccontare vini, paesaggi e umanità, sono ben 70 le aziende vinicole ed olivicole che promuovono i loro prodotti in degustazione. E se ai banchi la presenza femminile è di tutto rispetto, è la folta delegazione delle 100 “Donne del Vino” di Sicilia a far parlare – benissimo – di sé.

Condividi questo articolo sui tuoi social...
-- Pubblicità --

ULTIMI ARTICOLI

consigliato da be

non perderti

RIMANIAMOIN CONTATTO

Ricevi tutte le news di Be Sicily Mag

Subscription Form (#3)

spot_img