giovedì | 18 Luglio | 2024
Antonella Rizzuto
Antonella Rizzuto
Giornalista professionista dal 2014, mamma di due bimbi meravigliosi, super appassionata di sport e di tutto ciò che è movimento, adoro gli animali e soprattutto il mio labrador León. Ambiziosa e testarda, adoro viaggiare e conoscere persone nuove che mi possano arricchire sotto diversi punti di vista. Adoro scrivere e raccontare storie particolari. Il mio mood giornaliero è "sorridi sempre e cerca di rinascere anche quando la vita ti mette a dura prova".

ultimi articoli

Nuoto di Fondo, la Sicilia vince il Trofeo delle Regioni 2024: la gioia di Trippodo e degli allievi

La Sicilia ha vinto il Trofeo delle Regioni 2024 per il nuoto di fondo: "I ragazzi sono stati strepitosi", ha commentato il commissario tecnico Tony Trippodo

Antonella Rizzuto
Antonella Rizzuto
Giornalista professionista dal 2014, mamma di due bimbi meravigliosi, super appassionata di sport e di tutto ciò che è movimento, adoro gli animali e soprattutto il mio labrador León. Ambiziosa e testarda, adoro viaggiare e conoscere persone nuove che mi possano arricchire sotto diversi punti di vista. Adoro scrivere e raccontare storie particolari. Il mio mood giornaliero è "sorridi sempre e cerca di rinascere anche quando la vita ti mette a dura prova".

La Sicilia del Fondo vince il Trofeo delle Regioni 2024 in acque libere con 103 punti. Secondo posto per la regione Lazio con 99 punti, seguita al terzo posto dalla Campania con 92 punti. Un grande successo per i sedici ragazzi convocati da Antonino Trippodo, tecnico responsabile della rappresentativa siciliana coadiuvato da Alessandro Addamo: Viola Bavastrelli, Simone Adragna, Andrea di Piazza, Daniele Farrelli, Maria Paola Manni, Emilia Rappa, Giovanni Lauricella, Tiziano Tripodi della Polisportiva Mimmo Ferrito, Anita Delia, Cristian e Gabriele Molonia della Unime, Sofia Francesca Natale, Isabella Roccaro, Gaia Piccione, Simone Capostagno de La Fenice e Daria Gulino della Sicilia Nuoto.

I convocati per il Trofeo delle Regioni, distribuiti in due categorie, Ragazzi e Juniores, hanno gareggiato nella 5 km e nella staffetta ottenendo un grande risultato. Quattro atleti siciliani ai primi quattro posti nella 5 km juniores: il vincitore Giovanni Lauricella seguito da Simone Capostagno, Tiziano Tripodi e Gabriele Molonia. Terzo posto, invece, nella staffetta 4X1250 juniores con Tiziano Tripodi, Emilia Rappa, Gaia Piccione e Simone Capostagno.

La soddisfazione di Tony Trippodo per il Trofeo delle Regioni

“La Sicilia del Fondo è stata strepitosa – dice Tony Trippodo, commissario tecnico Fin Sicilia settore fondo e responsabile del settore fondo della Polisportiva Mimmo Ferrito – 18 medaglie conquistate ai campionati Italiani assoluti e poi la vittoria del Trofeo delle Regioni. È un risultato unico che conferma l’ottima pianificazione delle società siciliane in questi anni grazie alla creazione di un grande gruppo sano e coeso. Il Trofeo delle Regioni 2024 ci vede per il terzo anno consecutivo tra le rappresentative più forti d’Italia, davanti a regioni sicuramente più virtuose e con meno problemi rispetto alla Sicilia che deve fare i conti con la carenza di impianti e di spazi acqua per far allenare questi ragazzi. È il terzo anno che saliamo sul podio, due anni fa siamo arrivati primi mentre lo scorso anno terzi. Il nuoto di fondo siciliano ha dimostrato di esserci e di essere molto forte e competitivo”.

Gli altri successi

Nei giorni scorsi, dal 28 giugno all’1 luglio, a Piombino i ragazzi della Polisportiva Mimmo Ferrito convocati al Trofeo delle Regioni, ma anche gli altri atleti della società non selezionati per far parte della rappresentativa siciliana, avevano partecipato ai campionati italiani assoluti di fondo vincendo numerose medaglie. Nella 10 km, Giovanni Lauricella ed Emanuel La Corte si sono piazzati entrambi al terzo posto, il primo nella categoria juniores, il secondo nella categoria ragazzi. E proprio il giovane Lauricella, grazie ad un secondo posto italiano nella 10 km nella sua annata 2007, ha conquistato la convocazione con la nazionale juniores per partecipare ai campionati europei giovanili a Vienna che si svolgeranno dal 9 al 12 luglio.

Sempre per la categoria ragazzi, medaglia d’argento per Simone Adragna nella 5 km e secondo posto per Andrea Di Piazza nella 2,5 km. Per la categoria juniores Marco Li Vecchi conquista il secondo posto nella 16 km. Grande risultato anche per Federica Sirchia, categoria cadette, che si piazza al primo posto nella 2,5 km e terza nella 5 km, e per Gabriel Cutrupi, categoria cadetti, che vince la medaglia d’argento nella 16 km. 

“È stato un anno impegnativo – ha concluso – ma il nostro lavoro è stato premiato con una grande e meritata vittoria. Sono soddisfatto di tutti i nostri ragazzi e ci tengo a ringraziare gli allenatori Vincenzo Raia e Gaetano Maniscalco che si dedicano giornalmente alla crescita sportiva di questi ragazzi seguendoli negli allenamenti in piscina e, con il mio contributo, anche al mare. Adesso qualche giorno di riposo per poi ricominciare con più forza ed energia”.

WhatsApp Image 2024 07 04 at 09.34.18 - Be Sicily Mag

Il commento di Nino Fazio

Anche Nino Fazio, responsabile regionale Fin Sicilia settore fondo, ha espresso la sua soddisfazione. “Una vittoria di tutti, si usa dire, ed è vero: ma è soprattutto dei sedici ragazzi, dei due tecnici e di chi li ha supportati. Di chi non ama salire sul carro del vincitore, e magari ne olia silenziosamente le ruote prima delle battaglie. È un torneo giovanile ed è giusto ricordarlo, ma è un trofeo importantissimo, un obbiettivo stagionale per tutti i comitati, che per i ragazzi diventa un orgoglio, un banco di prova, una sfida, una lezione di vita e di sport”, ha affermato.

Tony Trippodo – ha aggiunto – ha lavorato in questa direzione da diversi anni, i ragazzi vanno e vengono, crescono, passano di categoria. Quello che non cambia è la mentalità vincente, attenta non solo all’oggi ma alla costruzione di una continuità. Certo, non garantirà sempre podi e vittorie, ma di sicuro la costanza nella ricerca degli obbiettivi e l’attenzione alla crescita individuale di ognuno degli atleti convocati. I ragazzi hanno giocato per vincere insieme, non importava chi prevalesse purché indossasse la medesima cuffia. Tutti possono dire di essere stati decisivi. Anche i piccoli e chi non ha portato punti. Una grande Sicilia, e l’avrei detto anche se fossimo arrivati terzi o quarti, ma gareggiando altrettanto bene”.

Condividi questo articolo sui tuoi social...
-- Pubblicità --

ULTIMI ARTICOLI

consigliato da be

non perderti

RIMANIAMOIN CONTATTO

Ricevi tutte le news di Be Sicily Mag

Subscription Form (#3)

spot_img