sabato | 25 Maggio | 2024
MARCO PETROLITO
MARCO PETROLITO
Nato in terra veneziana nel 1978 ma siciliano da sempre, a contraddistinguermi è la passione per la musica e l'arte. Ma amo tantissimo viaggiare ed il buon cibo. E vivo di sport. Giornalista da quasi 20 anni per provare a raccontare e a trasmettere, con la scrittura, le emozioni legate al mio mondo.

ultimi articoli

Fattoria Cugno Lupo: natura, latte d’asina e i riflettori del cinema

La Fattoria Cugno Lupo tra Canicattini Bagni e Noto ha creato un habitat unico per i suoi 80 asini: un'oasi all'insegna della natura in Sicilia

MARCO PETROLITO
MARCO PETROLITO
Nato in terra veneziana nel 1978 ma siciliano da sempre, a contraddistinguermi è la passione per la musica e l'arte. Ma amo tantissimo viaggiare ed il buon cibo. E vivo di sport. Giornalista da quasi 20 anni per provare a raccontare e a trasmettere, con la scrittura, le emozioni legate al mio mondo.

Uno dei più importanti allevamenti d’asini di razza “ragusana” e “grigio siciliana”, quest’ultima a dire il vero ancora in fase d’istituzione, sorge tra Canicattini Bagni e Noto, nel siracusano, all’interno di una mite zona collinare situata a ridosso dei monti Iblei. È la fattoria Cugno Lupo che, insieme a quelli di Milo (Catania) e Ragusa, rappresenta nel suo genere una delle strutture più grandi e moderne. Sulle colline iblee l’allevatore siciliano d’asini Enzo Cavalieri è riuscito, con tanta passione e dedizione ma anche tanti sacrifici, a ricreare un habitat unico grazie alla presenza di tutto ciò che è necessario per il benessere dei suoi asinelli, quasi 80. Un numero da record.

Fattoria Cugno Lupo: un luogo per le famiglie

Alla fattoria Cugno Lupo, che prende il nome dall’omonima contrada in cui sorge, si va dalle stalle e dai grandi recinti fino alla “stazione di monta” pubblica e alle zone dedicate al pascolo in oltre 10 ettari di terreno. Il tutto arricchito da una struttura realizzata di recente che vanta una serie di camere in stile siciliano le quali, ben presto, potranno ospitare fino a 20 persone. Ci sono, poi, alcune aree dedicate alla mungitura e alla degustazione del latte, che dà vita a tanti prodotti come creme e saponi (confezionati manualmente e venduti anche al dettaglio dallo stesso allevatore) utili al fine di levigare e mantenere giovane la pelle umana.

Per non parlare della qualità e delle caratteristiche organolettiche del latte d’asina. Una vera bontà, che, come provato, risulta essere molto simile al latte materno e viene utilizzato e consumato sempre più dai bambini sin dalla tenera età. A proposito di bambini la fattoria si sta rivelando sempre più, grazie ai suoi spazi aperti, un luogo in cui i bambini possono giocare e trascorrere del tempo insieme alle famiglie. Anche stando a stretto contatto con gli animali. Gli asinelli, infatti, amano essere coccolati e accarezzati, soprattutto dai ragazzi. E grazie ad un ambiente familiare e sano, dove poter trascorrere qualche ora in allegria, si presta e si adatta alla perfezione per far vivere delle giornate primaverili all’aria aperta ed a contatto con la natura.

La collezioni di carretti e i set cinematografici 

In alcune delle sale della fattoria di Enzo Cavlieri si trova, inoltre, una ricca collezione con ben 25 carretti siciliani, tutti o quasi restaurati e conservati in condizioni perfette: troveranno spazio, appena verrà ultimato, in un museo dedicato insieme alle attrezzature che, un tempo, si utilizzavano con gli asini per la coltivazione della terra. Più volte i carretti, che rappresentano delle vere e proprie opere d’arte, sono stati esposti in varie rassegne (in Sicilia ma non solo) o utilizzati insieme agli asini in dei set cinematografici per girare dei film come, ad esempio per “Road to the lemon groove” con Rossella Brescia nel 2018 o nelle serie “Il gattopardo” (con Deva Cassel) e “L’arte della gioia” di Valeria Golino lo scorso anno.

rossella brescia asini - Be Sicily Mag
Rossella Brescia sul set di “Road to the lemon groove”

Gli asini della fattoria hanno fatto bella mostra di sé anche nelle ultime edizioni del celebre “Palio del Casale”, che adesso si svolge a Cicciano, in provincia di Napoli, mentre ogni anno contribuiscono, grazie all’impegno di Cavalieri, a mantenere vive le tradizioni della festa di Sant’Isidoro a Testa dell’acqua (Noto) e al Palio di San Michele, che ai svolge proprio a Canicattini.

I percorsi naturalistici e i panorami mozzafiato della Fattoria Cugno Lupo

Infine da segnalare, sempre partendo dalla fattoria, alcuni sentieri antichissimi che sono stati ripristinati di recente e consentono ai visitatori di riscoprire, per oltre 5 chilometri, dei vecchi percorsi dove si può ammirare la flora locale e le bellezze naturalistiche caratterizzanti la parte iniziale della zona montana della provincia di Siracusa. “È il posto ideale per rilassarsi, fare un respiro profondo ed ammirare il panorama, – spiega l’allevatore a proposito della bellezza delle colline in cui si trova la fattoria – a volte può fare soltanto bene staccare la spina e fermarsi a sentire gli odori della campagna iblea”.

Condividi questo articolo sui tuoi social...

ULTIMI ARTICOLI

consigliato da be

non perderti

RIMANIAMOIN CONTATTO

Ricevi tutte le news di Be Sicily Mag

Subscription Form (#3)

spot_img